rotate-mobile
Giovedì, 20 Gennaio 2022
Cronaca

Reddito di cittadinanza in tasca, ma senza diritto: parrucchiera e giostrai nei guai

Ammontano ad oltre 25.000 euro le somme indebitamente percepite, a titolo di reddito di cittadinanza, da alcuni soggetti scoperti dai finanzieri

Ammontano ad oltre 25.000 euro le somme indebitamente percepite, a titolo di reddito di cittadinanza, da alcuni soggetti scoperti dai finanzieri della Compagnia di Civitanova Marche. Secondo quanto ricostruito da Guardia di Finanza e direzione provinciale dell’INPS di Macerata, una parrucchiera dichiaratasi disoccupata aveva percepito illecitamente oltre 7.000 euro. Non solo. Una famiglia di giostrai, secondo le indagini, avrebbe beneficiato invece di 18mila euro per tre persone. 

In quest’ultimo caso il denaro sarebbe stato percepito ininterrottamente da maggio 2020 per un totale di 18mila euro, nonostante due diverse revoche disposte dall’Inps. Il nucelo familiare, dicono i finanzieri, è riuscito a ottenere il reddito con tre diverse istanze, presentate in successione, non appena veniva revocata la precedente. Oltre alla denuncia alla Procura della Repubblica, è scattata anche la segnalazione alla Direzione Provinciale dell’INPS di Macerata, per l’interruzione dell’erogazione del sussidio ed il recupero, già in fase di esecuzione delle somme indebitamente percepite. 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Reddito di cittadinanza in tasca, ma senza diritto: parrucchiera e giostrai nei guai

AnconaToday è in caricamento