rotate-mobile
Cronaca

Rapine ai tabaccai, cresce l’allerta: «Ci sentiamo presi di mira»

Le associazioni di categoria chiedono attenzione e controlli a fronte dei pericoli sempre maggiori che si stanno verificando

Gli ultimi episodi che hanno riguardato rapine, tentate o riuscite, ai tabaccai anconetani hanno fatto alzare inevitabilmente lo stato di allerta dell’intera categoria. I rischi per gli esercenti sono sempre maggiori e, in un periodo del genere dove le preoccupazioni sono già tante, serve una stretta per evitare di alimentare le paure.

In questo senso la Fit, Federazione Italiana Tabaccai delle Marche (il cui presidente è Aurelio Fazi, titolare dell’omonima tabaccheria di Cupramontana) ha chiesto una maggior attenzione tradotta i controlli e interventi tempestivi delle forze dell’ordine, in prevalenza negli orari di chiusura serali. Allo stesso modo è stato chiesto un incentivo sempre maggiore al pagamento elettronico (magari con abbattimento delle commissioni) così da far circolare sempre meno contante nelle tabaccherie.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rapine ai tabaccai, cresce l’allerta: «Ci sentiamo presi di mira»

AnconaToday è in caricamento