menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Rapinatori in azione

Rapinatori in azione

Colpivano gli uffici postali della Vallesina, arrestata banda di rapinatori

Da agosto 2016 erano riusciti a rapinare 5 uffici postali, tutti con lo stesso modus operandi. I banditi sono stati fermati in autostrada, mentre tentavano la fuga dopo l'ennesimo colpo

Una vera e propria banda specializzata in rapine negli uffici postali quella scoperta dai Carabinieri da Jesi. Tre i colpi effettuati da agosto 2016 a marzo 2017 che avevano fruttato ai banditi un bottino di decine di migliaia di euro. Le indagini erano partite alcuni mesi fa, quando i militari avevano collegato le varie rapine, tutte effettuate in Vallesina, scoprendo che avevano lo stesso modus operandi: gli autori infatti si servivano di una mazza a manico lungo da carpenteria, riuscendo a rompere la vetrata antisfondamento dell'ufficio postale, facendo poi irruzione e rubando il bottino dalla cassaforte.

Sabato mattina, intorno alle 9.30, erano tornati a colpire di nuovo, facendo irruzione nell'ufficio postale di San Giovanni in Marignano, rapina che però aveva fruttato poco visto che la cassaforte era rimasta chiusa. Nel corso del sopralluogo i Carabinieri hanno scoperto che la fuga era stata effettuata a bordo di una Fiat 500 L, di cui però non si conosceva la targa. A tradire i banditi è stato il loro ultimo colpo, poche ore dopo, nell'ufficio postale Sermide, dove i rapinatori erano riusciti questa volta a fuggire con un bottino di tutto rispetto. A quel punto è scattato il blitz dei Carabinieri, che sono riusciti a bloccare l'auto con a bordo i tre banditi, mentre si trovavano lungo l'autostrada A14, in direzione Pescara. A bordo del mezzo un 26enne di Jesi e due catanesi, di 43 e 29 anni. In un sacco rosso nascondevano un'ingente somma di denaro, mentre in un borsone gli indumenti usati durante i loro colpi e numerosi attrezzi da scasso. 

Portati in caserma, i banditi sono stati arrestati ed ora dovranno rispondere di rapina aggravata continuata in concorso e ricettazione, avendo usato per i loro colpi anche una vettura rubata. Ora si trovano rinchiusi presso il carcere di Montacuto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento