Picchia un uomo e gli ruba il portafoglio, 25enne incastrato dalle impronte digitali

Aveva commesso il colpo nel 2016 a scapito di un uomo in via Ruggeri, nella zona di Brecce Bianche. Oggi arriva la sentenza definitiva e finisce in carcere

Furto di un portafoglio

Incastrato dalle impronte digitali come nei film: un anconetano di 25 anni si trova ora nel carcere di Montacuto dopo l'arrivo della sentenza definitiva del processo a suo carico perché condannato per aver commesso una rapina in via Ruggeri, nella zona di Brecce Bianche. 

Tempo fa, infatti, il 25enne e due suoi compari, un ragazzo irregolare che è stato poi espulso e un'altra persona mai identificata, hanno braccato, picchiato e derubato un uomo, rubandogli  il portafoglio e utilizzando il suo bancomat. I carabinieri hanno recuperato il portafoglio che la banda aveva abbandonato e, grazie al lavoro del RaCIS, hanno isolato le impronte digitali. Così i militari sono riusciti ad identificare il ragazzo che è andato a processo per rapina aggravata. Da ieri c'è la sentenza definitiva e i Carabinieri hanno prelevato il ragazzo nella sua abitazione portandolo in cella, dove dovrà scontare due anni e dieci mesi di reclusione. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, arriva un assaggio d'inverno: maltempo, freddo e anche la neve

  • Scarpe Lidl, mania anche ad Ancona: scaffali svuotati in mezz'ora, maxi rivendite

  • Zona arancione, per Acquaroli non basta: «Presto ordinanza anti-assembramento»

  • Non lo vedono giorni, i vicini danno l'allarme ma è troppo tardi: uomo morto in casa

  • Parrucchieri ed estetiste fuori dal tuo Comune? Arriva lo stop dalla Prefettura

  • Nuova ordinanza, ancora sacrificio per i commercianti: vietato mangiare all'aperto

Torna su
AnconaToday è in caricamento