rotate-mobile
Cronaca

«Dacci i soldi o ti sfasciamo tutto». Rapinatori del minimarket alla sbarra

In quattro rischiano di finire a processo per un colpo messo a segno in un alimentari che stava chiudendo

ANCONA - In quattro avevano rapinato un minimarket in corso Carlo Alberto, al Piano e dopo dieci giorni erano stati identificati in tre e arrestati dai carabinieri. Poi era toccato anche al quarto uomo. Adesso tre pachistani e un indiano, tra i 26 e i 31 anni, rischiano un processo per rapina e danneggiamento aggravato. Era l’11 gennaio del 2020 quando la banda  aveva messo a segno la rapina nel minimarket Sharif. Era un sabato sera. Mentre il proprietario si apprestava a chiudere il negozio, lasciando semichiusa la saracinesca, i tre avevano bussato alla porta vetrata d’ingresso. «Dacci tutti i soldi o ti sfasciamo il locale», gli avevano urlato minacciandolo. Il commerciante si era rifiutato così i quattro erano passati ai fatti.

Prima avevano preso a calci e pugni la vetrata, arrivando a frantumare anche quella laterale. Poi avevano provato ad entrare nel locale, ma solo uno ci era riuscito e aveva rubato dalla tasca del proprietario la somma di circa 1.200 euro, l’incasso della settimana. Subito i carabinieri del Norm erano intervenuti a caccia dei rapinatori poi identificati successivamente. 

avvocatoGiuseppe Cutrona

Per i quattro, difesi dagli avvocati Giuseppe Cutrona (in foto), Simone Matraxia e Pietro Sgarbi, ieri era fissata l’udienza preliminare davanti al giudice Alberto Pallucchini ma è stato rinviato tutto al 2 maggio per rintracciare uno della banda che al momento è irreperibile.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Dacci i soldi o ti sfasciamo tutto». Rapinatori del minimarket alla sbarra

AnconaToday è in caricamento