Sabato, 31 Luglio 2021
Cronaca

Accusato di rapina e lesioni, evade dai domiciliari: il giudice lo manda in carcere

Un’intervento, questo operato dalla Polizia, che arriva a seguito di una serie di controlli e pattugliamenti rafforzati nelle ultime settimane a seguito dell’Operazione “Ultimo Miglio”

Foto di repertorio

Era stato sottoposto alla misura di custodia cautelare degli arresti domiciliari dopo le accuse di rapina e lesioni, ma l’altra sera, dopo un mese, gli agenti delle Volanti della Polizia di Ancona lo hanno trovato fuori casa, intento a bere e ubriacarsi in un bar di corso Carlo Alberto. Alla vista delle divise lui, un colombiano di 37 anni, ha opposto resistenza, pronunciando frasi minacciose contro i poliziotti. Ora si trova in una cella del carcere di Montacuto per l'inasprimento della misura voluta dal Gip e notificata dagli agenti della Squadra Mobile.

Un’intervento, questo operato dalla Polizia di Ancona, che arriva a seguito di una serie di controlli e pattugliamenti rafforzati nelle ultime settimane, ad Ancona, come in tante altre città d’Italia. E’ l’Operazione “Ultimo Miglio”, disposta dal Viminale e messa sul campo nei giorni scorsi dagli agenti della questura dorica. Sono state adottate misure di prevenzione altissime per garantire alla cittadinanza una sicurezza a 360 gradi, soprattutto in prossimità delle aree pedonali e dei grandi centri di agglomerazione. Niente è stato lasciato al caso da parte degli uomini della squadra Volante, delle Unità Operative di Primo Intervento, del reparto Prevenzione Crimine, Stradale, Mobile e del gabinetto della Scientifica. Una stretta collaborazione tra le varie specialità che ha portato già i primi risultati. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Accusato di rapina e lesioni, evade dai domiciliari: il giudice lo manda in carcere

AnconaToday è in caricamento