rotate-mobile
Cronaca

Questura declassata, Bufarini (Siulp): «Ci vorranno anni per risolvere i danni provocati» 

Il segretario provinciale del sindacato unitario lavoratori di polizia denuncia la mancanza di progettualità sulla sicurezza 

ANCONA - «L’aumento dei furti (+14,3%) e delle rapine (+23,5%), come pure il notevole numero di decessi dovuti a violazioni delle norme sulla circolazione stradale (82 nel periodo luglio 2021/2022), come il cospicuo aumento dei reati commessi da soggetti minorenni e la gravità degli stessi, da recenti dati ufficiali divulgati, sottolineano le difficoltà e le conseguenze delle mancate assegnazioni di personale e la diretta incidenza sui diritti dei cittadini. I maggiori “tagli” di questi ultimi anni, infatti, li ha subiti il personale più a diretto contatto proprio con i cittadini, ossia la squadra volante e le pattuglie della polizia stradale». Lo afferma Alessandro Bufarini, segretario generale provinciale del Siulp Ancona. Il sindacalista continua specificando che il Siulp è stato il primo ad evidenziare i pericoli del declassamento e l’importanza della città di Ancona come capoluogo di regione sia dal punto di vista commerciale, dei trasporti che dal punto di vista della sicurezza. Se i Commissariati di polizia di Osimo, Fabriano, Jesi e Senigallia hanno serie difficoltà a garantire la presenza sul territorio di una pattuglia h24, la questura, con un territorio ed utenti assai più vasto, «ha serie difficoltà a garantirne due», sostiene Bufarini. Inoltre, in vista della stagione estiva, Senigallia «non potrà reggere all’aumento dei carichi di lavoro dovuti all’incremento della popolazione, se non si interviene».

Per il sindacalista «è necessario garantire ciò che oggi non riusciamo ossia l’apertura al pubblico di un ufficio denunce stabile nella fascia oraria 8 – 20, e sopperire alla cronica carenza di sottufficiali per il disbrigo degli atti di polizia giudiziaria nell’ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico, quello a diretto contatto con i cittadini. La polizia stradale, invece, è stata completamente dimenticata dai recenti piani ministeriali di rinforzo subendo, negli anni una costante diminuzione di personale e quindi di pattuglie su strada; solamente la sezione polstrada, nel 2022, ha perso ulteriori 6 unità e dal 2018 è passata da 93 unità alle attuali 70. Ecco perché i numeri passati enunciati sopra, sull’incidenza dei reati non ci fanno stare tranquilli. Al di là di ipotesi e ragionamenti logici su un innalzamento della questura di Ancona, dato oramai per certo ma su cui faremo le dovute valutazioni sui dettagli, vi sono alcuni dati inconfutabili su cui la politica deve dare risposte, immediate, sia per la sicurezza dei cittadini ma anche per quella delle forze dell’ordine viste anche le preoccupanti e recenti aggressioni al personale che opera in divisa, da ultimo proprio ad un collega della polizia stradale. Su questo, siamo convinti che solo con maggiori assegnazioni di risorse, personale e mezzi, vi possa essere un cambio di passo e ci aspettiamo che l’attenzione alla sicurezza non rimanga solo uno spot elettorale ma si concretizzi in un segnale adeguato alle reali necessità del territorio già a partire dalle prossime assegnazioni di personale di giugno».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Questura declassata, Bufarini (Siulp): «Ci vorranno anni per risolvere i danni provocati» 

AnconaToday è in caricamento