Questura declassata, i poliziotti incontrano i politici

Il sindacato di polizia: «I nostri cittadini e i nostri colleghi non lo meritano». Il rischio è quello di non ricevere rinforzi

I vertici del Siulp, il sindacato unico di polizia, hanno incontrato questa mattina una delegazione del partito socialista. Presenti il consigliere regionale Boris Rapa e il segretario regionale Maurizio Cionfrini. E' previsto un ulteriore incontro, fissato al 18 febbraio, con il presidente del consiglio regionale Antonio Mastrovincenzo. In agenda la questione del declassamento della Questura di Ancona, già denunciato lo scorso settembre. «La preoccupazione - dicono dal Siulp - che il Nostro territorio possa subire un depauperamento di risorse intese come uomini e mezzi da destinare alla sicurezza dei cittadini si stà lentamente concretizzando, portando, a breve, all’approvazione del piano di riorganizzazione che il Ministero dell’Interno ha redatto e che vede il declassamento della Questura di Ancona. Ossia quello che stiamo attendendo sono solo i consueti passi formali che prevedono il “passaggio” del decreto nelle varie articolazioni dell’amministrazione dello Stato».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«La decisione - proseguono dal sindacato - si “gioca” tutto nel tavolo della politica. A tutti abbiamo ribadito e lo continueremo a fare, che il territorio di Ancona, poiché capoluogo di regione, sede della Questura Capoluogo di Regione, di Squadra Mobile e Digos Distrettuale, con tutte le Specialità della Polizia di Stato presenti sul territorio, con un Reparto Mobile della Polizia di Stato intervenuto su tutte le principali calamità naturali e non del territorio italiano e sede degli Stabilimenti e Centro Raccolta Armi di Senigallia, unico a livello Nazionale, non può essere declassata. I nostri cittadini ed i nostri colleghi non lo meritano. Continueremo la nostra opera di sensibilizzazione sulla questione».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, ordinanza di Acquaroli: didattica a distanza nelle scuole e mezzi pubblici al 60%

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • Le Marche corrono ai ripari: raddoppio vaccini, tamponi in farmacia e potenziamento Usca

  • Erano l'incubo degli adolescenti, costretti ad inginocchiarsi: arrestati 5 baby stalker

  • Chiusura piazza del Papa, la Mancinelli avverte: ora palla agli anconetani

  • Terapie intensive, Marche terzultime in Italia: apre il Covid Hospital con medici militari

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento