menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio

Foto di repertorio

Era uscito a passeggiare, ma sarebbe dovuto stare in quarantena: denunciato un 23enne

In quarantena dal 14 dicembre perché era risultato positivo al tampone. Non si era più presentato all'Asur

Beccato mentre passeggia in via Marconi quando sarebbe dovuto restare chiuso in casa perché sottoposto al regime di quarantena. Un ragazzo di 23 anni originario del Gambia è stato denunciato dai carabinieri di Ancona per aver violato le normative anti contagio. 

Il fatto risale a tre giorni fa, quando una pattuglia della Stazione dei carabinieri di Ancona Centro che si trovava da quelle parti aveva individuato un giovane a passeggio per strada. In un primo momento il ragazzo avrebbe cercato di sfuggire ai militari che però sono riusciti a fermarlo. Dagli accertamenti è emerso che il 23enne si trovava in quarantena addiruttura dal 14 dicembre perché era risultato positivo al Covid-19. Nonostante le ripetute chiamate dell'Asur, però, lui si era sempre rifiutato di ripetere il tampone e non si era mai presentato in struttura risultando ancora in quarantena da allora. Per lui è scattata la denuncia in stato di libertà. 

Il mancato rispetto dell'isolamento domiciliare per chi risulta essere in quarantena comporta conseguenze penali per violazione dell’articolo 452 che punisce i delitti colposi contro la salute pubblica. In questo caso il colpevole del reato di diffusione di un'epidemia è punito penalmente, rischiando da uno a cinque anni di carcere.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento