Aria irrespirabile, la Procura fa scattare i controlli in azienda

Vigili del fuoco, carabinieri del Noe e del Norm oltre all'Arpam dopo le segnalazioni e le denunce dei cittadini. Un'indagine definita «duratura e complessa»

Foto di repertorio

Inquinamento ambientale e getto pericoloso di cose. Sono questi i reati ipotizzati dal pm Rosario Lioniello della Procura di Ancona che ha aperto un fascicolo d'indagine dopo le segnalazione e le denunce di residenti di Falconara e Castelferretti che, nei giorni scorsi, erano scesi in strada davanti ai cancelli della Bufarini Srl, azienda che si occupa di smaltimento dei rifiuti, per protestare e avere un confronto con la proprietà che si è sempre dichiarata estranea a questi fenomeni. La sera stessa i rilevamenti di Arpam e vigili del fuoco diedero risultato negativo. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Questi ultimi, ieri, sono tornati in azienda insieme ai carabinieri del Noe e del Norm su ordine della Procura di Ancona. Sono stati effettuati campionamenti di rifiuti e rilevi tecnici irripetibili. Attraverso un liquido tracciante colorato sono stati individuati punti di emissione alla rete fognaria e a un fosso adiacente la ditta. Tutti aspetti da approfondire attraverso indagini che prevedono anche la lettura di tutta la documentazione sula tracciabilità dei rifiuti, le certificazioni di rilevamento della qualità dell'aria e che gli stessi inquirenti definiscono «durature e complesse».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La piazza come una latrina, sorpreso a defecare: costretto a pulire i suoi escrementi

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • Nuovo Dpcm, arriva la firma di Conte: ecco cosa cambia da lunedì 26 ottobre

  • Folle corsa per la città, tra speronamenti e sorpassi: l'inseguimento e poi l'incidente

  • Coronavirus, è allerta nel Comune di Ancona: almeno 5 dipendenti in isolamento

  • Il vento della protesta arriva anche ad Ancona

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento