Quintali di rifiuti, scatta la mobilitazione per pulire il fondale: così splende il mare

Complessivamente sono stati raccolti alcuni quintali di rifiuti vari che sono stati consegnati al rientro al Porto alla Garbage Service per lo smaltimento differenziato

I volontari impegnati nella pulizia del mare

Un successo la manifestazione a favore della pulizia dei fondali del Passetto che si è tenuta domenica scorsa (11 giugno), organizzata dal Kòmaros Sub Ancona e patrocinata dal Comune diAncona. All'evento, dalle ore 10 alle ore 12, hanno partecipato una quarantina di subacquei, sia in apnea che con autorespiratori, setacciando i fondali antistanti la spiaggia del Passetto e raccogliendo rifiuti di ogni genere. «E' la spiaggia più anconetana di Ancona, dove generazioni di anconetani hanno imparato a nuotare, dove i nostri nonni e bisnonni nel secolo scorso hanno scavato le grotte in cui ricoverare barche ed attrezzi da pesca, ma è stata anche quella più trascurata - ha spiegato il presidente di Komaros Fabio Fiori - Il Passetto vuole tornare a nuovo splendore». E da domenica ha fatto un bel passo in avanti grazie a tutti gli amanti del mare. In prima fila i subacquei sportivi, i grottaroli e gli imprenditori balneari e naturalmente Kòmaros Sub, da sempre cura e tutela il mare in generale e quello sotto casa in particolare.

Sono stati proprio loro ad organizzare per il decimo anno la manifestazione "Pulizia dei fondali - Passetto 2017", una iniziativa cui hanno aderito e dato la loro collaborazione anche i club subacquei Monsub di Jesi e Centro Attività Subacquee di Ancona, l'associazione Grottaroli del Passetto, la Garbage Service, la Marina Dorica e gli stabilimenti balneari della spiaggia. La manifestazione ha avuto inizio alle ore 10,00. I tanti subacquei volontari, sia in apnea che con autorespiratore, sono stati divisi in squadre ed assistiti da una decina di gommoni e da alcune barche dei grottaroli. Sotto il pelo dell'acqua la situazione è apparsa comunque migliore rispetto agli anni passati, sul fondale sono stati recuperati soprattutto oggetti portati a riva da venti e correnti, onnipresente ed indistruttibile la plastica, tantissimi bicchieri e bottiglie, taniche e contenitori vari in materiale plastico, boe sfondate, vecchi stivali. Rinvenuti inoltre molte reti ed attrezzature da pesca abbandonate sul fondale, ove continuano a fare danni all'ambiente per mesi ed anni. Complessivamente sono stati raccolti alcuni quintali di rifiuti vari che sono stati consegnati al rientro al Porto alla Garbage Service per lo smaltimento differenziato. «La manifestazione vuole essere in primo luogo e soprattutto un messaggio destinato a tutti coloro che frequentano ed amano il mare a non abbandonare mai nulla sulla riva o nelle acque ed anzi, come da anni fanno i nostri associati, a recuperare i rifiuti che trovano durante la loro attività sportiva o ludica ed a segnalare alle autorità gli attrezzi da pesca illegali o abbandonati» ha concluso Fiori.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, arriva il freddo russo sulle Marche: tracollo termico e neve a basse quote

  • Nuove regole e quasi tutta Italia in zona arancione: ecco la situazione nelle Marche

  • Tremendo frontale sulla provinciale, veicoli distrutti: c'è una vittima

  • Tragico schianto sulla provinciale, la vittima è Francesco Contigiani: aveva 43 anni

  • Telefonata choc dal porto: «Aiuto, mi hanno stuprata in tre»

  • «Zona arancione da domenica e per altre due settimane»: la conferma di Acquaroli

Torna su
AnconaToday è in caricamento