Si prostituiscono in casa, gli agenti si fingono clienti e le scoprono: donne nei guai

Scoperte due case chiuse ad Ancona. Dentro c'erano tre donne, che accoglievano i rispettivi clienti all'interno dei loro appartamenti

foto di repertorio

I poliziotti della Squadra Mobile della Questura di Ancona, hanno scoperto due appartamenti di Ancona adibiti a casa di prostituzione.

Gli investigatori dorici, fingendosi clienti, hanno individuato un appartamento del quartiere Grazie abitato da una 50enne di origini orientali. Il giorno successivo (ieri), sono entrati in un altro appartamento sempre della zona, dove hanno identificato due giovani donne sudamericane che si prostituivano in casa. Nel primo caso si è trattato di una donna di origini orientali, non regolare in Italia, la quale è stata allontanata dal territorio con provvedimento dell’Ufficio Immigrazione della Questura. Nel secondo caso le due sudamericane hanno dimostrato di trovarsi in Italia in regola con la normativa sull’immigrazione. Sono in corso accertamenti per gli ulteriori provvedimenti da adottare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, arriva un assaggio d'inverno: maltempo, freddo e anche la neve

  • Scarpe Lidl, mania anche ad Ancona: scaffali svuotati in mezz'ora, maxi rivendite

  • Non lo vedono giorni, i vicini danno l'allarme ma è troppo tardi: uomo morto in casa

  • Parrucchieri ed estetiste fuori dal tuo Comune? Arriva lo stop dalla Prefettura

  • Nuova ordinanza, ancora sacrificio per i commercianti: vietato mangiare all'aperto

  • Le bottiglie si riciclano al supermarket: previsti sconti sulla spesa

Torna su
AnconaToday è in caricamento