rotate-mobile
Cronaca

Progetto Ancona, la coalizione di centrosinistra esordisce al Mercato delle Erbe: ma c'è chi protesta: «Venite solo per le elezioni»

La candidata a sindaco per la coalizione del centrosinistra, Ida Simonella, presenta Progetto Ancona. Luogo prescelto: il Mercato delle Erbe. Ma durante l’evento pubblico è scattata anche la protesta di alcuni operatori

ANCONA - Progetto Ancona, la coalizione di centrosinistra capitanata dalla candidata a sindaco Ida Simonella, ha fatto il suo esordio ufficiale. Per la presentazione è stato scelto un luogo simbolo della città: il Mercato delle Erbe, su cui il Comune di Ancona ha già definito la road map per il rilancio attraverso un intervento di riqualifica con i fondi del Pnrr (5,3 milioni di euro). Ma l’appuntamento politico, che doveva segnare lo start ufficiale per l’avvio della campagna elettorale della coalizione, ha attirato l’attenzione di alcuni operatori del mercato. In particolare di un’imprenditrice agricola che, col suo banco di prodotti ortofrutticoli, stava proprio accanto al luogo del comizio. Ne è scattato un botta e risposta tra lai commerciante e la candidata sindaco. 

La presentazione 

La coalizione di centro sinistra al completo ha fatto la sua prima apparizione pubblica oggi (23 febbraio) al Mercato delle Erbe. Presenti i rappresentanti di tutte le forze politiche coinvolte in Progetto Ancona: Pd, Terzo Polo (Azione, Italia Viva e Psi), Art.1, Volt e le forze civiche Ancona Popolare, Progetto Ancona - Ambiente Sport e Quartieri, la lista del sindaco Ancona Futura e quella di Carlo Pesaresi che ancora non ha un nome identificativo. «Siamo una bella squadra e altri si stanno unendo - ha affermato Ida Simonella - e su questo tema vorrei sottolineare l’orgoglio di poter avere con noi anche due nuovi ingressi: quello dei Repubblicani e del partito Volt, realtà paneuropea costituita da molti giovani presente in varie realtà comunali in Italia». La scelta del Mercato delle Erbe come luogo di presentazione, però, ha prestato il fianco anche ad alcune manifestazioni di disappunto. Se, da una parte, Ida Simonella ha posto l’accento sull’ambizioso progetto in partenza di riqualificazione dell’intero contenitore, dall’altro ha servito su un piatto d’oro alcune rimostranze da parte degli operatori.

Il confronto 

«Lavoriamo in una struttura fatiscente - ha improvvisamente tuonato Roberta Mancini, produttore agricolo e titolare del banco di prodotti ortofrutticoli al Mercato delle Erbe - non potete presentarvi qui solo quando ci sono le elezioni». Subito la risposta della candidata sindaco: «Il Mercato delle Erbe è da sempre una delle nostre priorità per il rilancio del centro - ha ribattuto Simonella - all’inizio si è tentata la strada del project financing, ma non è andata in porto. Ora che siamo riusciti ad intercettare i fondi del Pnrr i lavori potranno partire entro metà anno». Un dibattito a tratti dai toni accorati, ma «frutto di un nostro approccio diretto al contatto con i cittadini - ha voluto ribadire Carlo Pesaresi - sarebbe stato troppo facile rinchiuderci dentro una sala d’albergo o a Palazzo degli Anziani». Qui il riferimento è andato agli eventi pubblici della coalizione di centrodestra. «Il nostro impegno sarà proprio quello di intercettare i temi più sentiti dai cittadini - ha continuato Pesaresi - e sono convinto che Ida (Simonella, ndr) è sicuramente in grado di farlo».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Progetto Ancona, la coalizione di centrosinistra esordisce al Mercato delle Erbe: ma c'è chi protesta: «Venite solo per le elezioni»

AnconaToday è in caricamento