Cronaca Falconara Marittima

Profughi alle Saline, i cittadini tornano a protestare in piazza

Presidio in piazza Albertelli e corteo in via Giordano Bruno. Nessuna notizia ufficiale dalla Prefettura anche se Zaffiri (Lega) rivela: «Secondo me il Prefetto ci ha ripensato»

Un presidio pacifico ma fermo. Per ribadire il No, ratificato anche dai consigli comunali di Falconara e Camerata Picena, all'ipotesi di realizzare un campo profughi al l'osto della base operativa di via Saline degli operai al lavoro per la realizzazione della terza corsia in A14. I cittadini, circa un centinaio, si sono riuniti questa mattina, sabato 28 maggio, in piazza Albertelli a Castelferretti. Muniti di striscioni sono anche partiti in corteo bloccando per breve tempo la circolazione al centro del paese, circa 3 chilometri di distanza dall'ipotizzato e contestato campo delle Saline.

Tra le persone anche volti noti della politica ma senza bandiere come chiesto dal comitato. Il consigliere regionale della Lega Sandro Zaffiri, l'assessore falconarese Clemente Rossi e i consiglieri Baia, Cipolletti, Cappanera più Federici e Andrea Rossi del Pd. Tra i cameratesi, il consigliere di opposizione Andrea Giannoni. «Di recente ho parlato con il Prefetto - ha raccontato Zaffiri - e mi sono fatto l'idea che sia tornato indietro sui suoi passi. Ad ogni modo la problematica va risolta con interventi nei paesi di partenza e non una volta che sono arrivati in Italia. La vera emergenza è che su 10 solo 2 hanno i requisiti per richiedere asilo».

«Noi crediamo - controbatte il dem Andrea Rossi - rafforzati dal voto unanime del consiglio comunale al nostro emendamento all'odg "No Saline", che la strada perseguibile sia quella di un'accoglienza diffusa, sostenibile e condivisa per evitare concentrazioni. In concreto ogni amministrazione locale deve farsi carico del problema pro quota, individuando siti idonei nei vari territori in cui ospitare piccole unità di persone. Il sindaco di Falconara, per parte sua, si renda disponibile all'accoglienza nelle forme condivise, con contestuale attivazione di un tavolo con le associazioni di volontariato per la gestione dell'emergenza».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Profughi alle Saline, i cittadini tornano a protestare in piazza

AnconaToday è in caricamento