Processo Predieri, arriva la sentenza: non fu schiavitù nè induzione al suicidio

Il 32enne di Senigallia è stato condannato per gli abusi sessuali ai danni dell'ex compagna. Assolto invece per l'induzione al suicidio e la riduzione in schiavitù

Alessandro Predieri

Dopo dieci ore di camera di consiglio è arrivata la sentenza per Alessandro Predieri, il 32enne di Senigallia a processo con l'accusa di induzione al suicidio, riduzione in schiavitù e violenza sessuale ai danni di due ragazze minorenni.

Predieri è stato riconosciuto colpevole solo per i reati di abusi sessuali ai danni della sua ex compagna e per questo dovrà scontare otto anni e sei mesi di carcere. Assoluzione invece, perchè il fatto non sussiste, per gli altri capi d'accusa contestati dal pm Paolo Gubinelli. Era stato proprio il magistrato, al termine della requisitoria, a chiedere per l'imputato 5 anni e mezzo per tutti i capi d'accusa. Il verdetto è arrivato a circa due anni dall'inizio del processo. I suoi avvocati difensori, Massimiliano Cornacchia e Gilberto Gianni, avevano sempre dichiarato la capacità di autodeterminarsi delle due vittime, una di queste diventata poi anche sua moglie. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morto dopo un'operazione alla tiroide, l'autopsia: Maycons ucciso da una emorragia

  • Investita sulle strisce pedonali nella strada maledetta: grave una donna di 53 anni

  • Morto dopo un'operazione alla tiroide, ci sono 10 indagati tra medici e infermieri

  • «Mi ha fotografata mentre ero in bagno». Scoppia la lite al mare, arriva la polizia

  • Agguato sotto casa, accerchiato e aggredito da due uomini: uno era incappucciato

  • Tamponano un carabiniere, l'auto si ribalta: all'ospedale due donne e un neonato

Torna su
AnconaToday è in caricamento