rotate-mobile
Cronaca

Precari della giustizia, nessuna stabilizzazione. Manifestazione davanti al tribunale

Domani mattina, ad Ancona, presidio a Palazzo di Giustizia. Personale tecnico si mobilita per difendere il proprio lavoro

ANCONA - «Agire, è tempo di mobilitazione». Monta la protesta dei precari della giustizia. Domattina manifestazione davanti al tribunale di corso Mazzini indetta da Usb pubblico impiego. «La presentazione al consiglio dei ministri del decreto legge PNRR - riporta una nota di Usb - che secondo alcuni doveva contenere una norma di stabilizzazione dei precari Giustizia, è stata rinviata. Il decreto slitterà alle prossime settimane e vedremo se conterrà o meno la stabilizzazione, ma il rinvio della sua presentazione, probabilmente non legato alla questione precari Giustizia, ci racconta di dinamiche assolutamente non lineari rispetto alle quali l'unica certezza è che rimanere ad aspettare sia profondamente sbagliato.

Prendere parola rispetto al nostro destino, non delegare il nostro futuro, significa fare la cosa giusta perché significa assumere un ruolo da protagonisti. Siamo un investimento non un costo. Siamo parte del rilancio della pubblica amministrazione e della Giustizia, siamo lavoratori qualificati, già formati e perfettamente inseriti nell'organizzazione del lavoro del complesso sistema del ministero della Giustizia. La nostra stabilizzazione significa capitalizzare le risorse investite ed è nell'interesse del Paese». I lavoratori rivendicano il loro diritto ad essere stabilizzati. Domani, 13 febbraio, dalle 10 alle 11, si terrà una manifestazione dei precari davanti a Palazzo di Giustizia (largo Vittorio Bachelet), personale per lo più tecnico.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Precari della giustizia, nessuna stabilizzazione. Manifestazione davanti al tribunale

AnconaToday è in caricamento