Digitalizzazione delle pratiche, boom di accessi allo Sportello unico per l'Edilizia

Il Comune di Jesi esprime soddisfazione per i risultati ottenuti nel 2019: il 90 per cento degli atti è stato presentato in via telematica

Foto d'archivio

Per la prima volta quasi il 90% delle circa 900 pratiche edilizie presentate al Comune di Jesi nel corso dell’anno state trasmesse in via digitale, evitando ad oltre 800 cittadini, tra privati e professionisti, di salire all’ufficio urbanistica del municipio, portare cartelle o faldoni con la relativa documentazione ed attendere pazientemente il proprio turno. Oltre al vantaggio per i cittadini, la digitalizzazione delle pratiche urbanistiche ha permesso agli operatori dello sportello di ridurre significativamente l’orario di apertura al pubblico per dedicarsi meglio all’attività di regolamentazione e controllo. E' da precisare poi che la residua quota di cartaceo consegnata a mano era dovuta dall’esigenza di concludere in tale modalità pratiche cartacee precedenti. Fatto questo che porta a pensare come il digitale rappresenti in un immediato futuro l’unico canale di comunicazione.

Numeri e risultati sono stati illustrati nel corso di un incontro pubblico promosso all’hotel Federico II dal Comune di Jesi ad un anno dall’avvio del portale per la presentazione telematica delle pratiche edilizie, chiamato Sportello Unico per l’Edilizia. L’incontro, che ha visto la partecipazione di circa 200 professionisti di tutta la regione (riuniti nella Rete delle Professioni Tecniche, che ha contribuito all’organizzazione) è stato strutturato in due momenti: uno dedicato all’utilizzo del portale e l’altro ad aggiornamenti sulla normativa in materia edilizia. Da tutti i partecipanti la convinzione che questo nuovo servizio risulta migliore e più efficace. 

Il portale, come noto, si inserisce nel progetto di digitalizzazione avviato su vasta scala dal Comune di Jesi e rappresenta un importante passo verso l’utilizzo delle nuove tecnologie nel rapporto fra cittadino e istituzioni. Tra i prossimi servizi su cui si punterà per indirizzare in via telematica le richieste al Comune vi sono quelle delle opere pubbliche (autorizzazioni per permessi vari, come passi carrabili, scavi, ecc.) e, a ruota, i servizi educativi (iscrizioni ad asili nido, mensa e scuolabus) ed i servizi demografici.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, ordinanza di Acquaroli: didattica a distanza nelle scuole e mezzi pubblici al 60%

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • La piazza come una latrina, sorpreso a defecare: costretto a pulire i suoi escrementi

  • Le Marche corrono ai ripari: raddoppio vaccini, tamponi in farmacia e potenziamento Usca

  • Nuovo Dpcm, arriva la firma di Conte: ecco cosa cambia da lunedì 26 ottobre

  • Terapie intensive, Marche terzultime in Italia: apre il Covid Hospital con medici militari

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento