Cronaca

Doveva imbarcarsi al porto con un documento falso: condannato ed espulso

Le prime indagini hanno permesso di stabilire i recenti spostamenti dell’uomo che vanno dalla Germania ad alcune città del nord Italia fino a giungere ad Ancona forse allo scopo di imbarcarsi

Gli agenti della Polfer lo hanno controllato ieri sera verso le 22:00 mentre si trovava sul marciapiede della stazione ferroviaria di Ancona. Quando l’uomo ha mostrato la carta di identità, sono nati i primi sospetti. Quel documento rumeno e quel nome tipico dell’est europeo mal si addicevano a S. A. cittadino Iracheno, come successivamente accertato, dai tratti somatici tipici di una persona nata in ben altre latitudini. Negli Uffici della Polizia Ferroviaria lo straniero ha poi confermato le sue vere generalità e ha candidamente ammesso di aver comprato il documento per la cifra di 300 euro da una persona di origine africane.

Le prime indagini hanno permesso di stabilire i recenti spostamenti dell’uomo che vanno dalla Germania ad alcune città del nord Italia fino a giungere ad Ancona forse allo scopo di imbarcarsi. Stamani, dopo l’udienza direttissima, S.A. è stato condannato ad un anno di reclusione e sono già state avviate le pratiche per l'espulsione dal territorio nazionale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Doveva imbarcarsi al porto con un documento falso: condannato ed espulso

AnconaToday è in caricamento