Porto, iniziati i lavori di demolizione dell'incompiuta: più spazio per gli operatori

«Con questo intervento diamo una risposta alla richiesta degli operatori portuali, all'esigenza, da noi condivisa, di poter avere a disposizione maggiori spazi per le loro attività» ha detto Giampieri

Le ruspe all'opera

Sono iniziati i lavori di demolizione della cosiddetta “Incompiuta” che si trova nell’area del porto commerciale di Ancona, una struttura obsoleta posizionata all'interno della zona doganale della darsena Marche. Dopo l’intervento sarà disponibile una superficie di circa 10 mila metri quadrati a disposizione delle attività portuali legate al traffico dei container. 

I lavori sull'area erano stati interrotti negli anni ’90 dall’ente che gestiva le banchine dello scalo a causa del cambiamento delle esigenze operative nella movimentazione delle merci. Dopo un complesso procedimento amministrativo con gli organi competenti, ottenute le autorizzazioni necessarie, è stata avviata la gara per l’affidamento in appalto dei lavori di demolizione totale, smaltimento e nuova pavimentazione per lo stoccaggio delle merci, che è stata affidata alla ditta Iaquinta Saverio. La fine dei lavori è prevista per fine primavera 2019. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«L'avvio di questo cantiere è il segno di un porto che non è mai fermo e che abbraccia e affronta il cambiamento del mercato come unica modalità per facilitare il lavoro per le imprese e nuova occupazione – dice il presidente dell’Autorità di sistema portuale, Rodolfo Giampieri - Grazie alla collaborazione con l’Agenzia del Demanio, siamo riusciti a sbloccare una delle tante situazioni molto complicate all’interno del porto che interessa un’area ferma da quasi trent’anni. Con questo intervento diamo una risposta alla richiesta degli operatori portuali, all'esigenza, da noi condivisa, di poter avere a disposizione maggiori spazi per le loro attività. Un nuovo passo nella filosofia della collaborazione che dimostra che, quando i problemi si affrontano insieme, con il reciproco impegno, i risultati arrivano sempre».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La piazza come una latrina, sorpreso a defecare: costretto a pulire i suoi escrementi

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • Nuovo Dpcm, arriva la firma di Conte: ecco cosa cambia da lunedì 26 ottobre

  • Folle corsa per la città, tra speronamenti e sorpassi: l'inseguimento e poi l'incidente

  • Coronavirus, è allerta nel Comune di Ancona: almeno 5 dipendenti in isolamento

  • Il vento della protesta arriva anche ad Ancona

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento