Cronaca

Porto: pensionato trasporta clandestini “per colpa della crisi”

L'uomo, ingegnere in pensione, ha dichiarato di essersi prestato a trasportare illegalmente due extracomunitari in ragione della situazione di estrema difficoltà economica del suo paese, la Grecia

Un ingegnere in pensione è stato arrestato nei giorni scorsi dai finanzieri del comando provinciale di Ancona, durante i controlli al porto sui veicoli provenienti dalla Grecia, sbarcati dalla motonave Minoan.
Il pensionato, un settantenne di origine ellenica, viaggiava alla guida della propria autovettura con altri due uomini abbigliati con abiti estremamente dimessi. I militari hanno fatto accostare l’auto per i controlli di rito, in collaborazione coi funzionari della locale agenzia delle dogane.

Alla richiesta dei documenti, la scoperta: i due passeggeri privi dei necessari documenti di soggiorno hanno confessato di aver tentato di entrare clandestinamente in Italia.
I due provenivano dallo Sri Lanka e nel corso del loro viaggio della speranza erano riusciti ad arrivare ad Atene, dove avevano conosciuto l’ingegnere. Quest’ultimo si era reso disponibile ad accompagnarli con la sua auto fino al porto di Ancona, ma aveva preteso 1.000 euro.

L’anziano professionista ha ammesso di essersi prestato a trasportare illegalmente i due extracomunitari, m ha dichiarato di avrlo fatto in ragione della situazione di estrema difficoltà economica della Grecia e per il fatto che la sua pensione, in poco tempo, sarebbe stata dimezzata.
L’ingegnere a questo punto e’ stato arrestato ed accompagnato al carcere di Montacuto mentre i due cingalesi sono stati invece consegnati, tramite la polizia di frontiera, al comandante del traghetto per essere riportati in Grecia.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Porto: pensionato trasporta clandestini “per colpa della crisi”

AnconaToday è in caricamento