Cronaca

Ponte Morandi, un mese dopo: l'appello degli ingegneri anconetani per monitorare le nostre strade

Scende in campo l'Ordine provinciale che a Roma per il congresso nazionale della categoria lancia un monito: «Serve un piano di conoscenza»

Ad un mese dal drammatico crollo del ponte Morandi a Genova, gli ingegneri di Ancona riuniti a Roma per il 63° congresso nazionale di categoria, fanno una riflessione sulla situazione delle principali opere infrastrutturali della provincia. “Sono 250 i ponti ed i viadotti nella provincia di Ancona – ha evidenziato Alberto Romagnoli, Presidente dell’Ordine degli Ingegneri – che non presentano ad oggi particolari criticità, ad eccezione di alcune strutture che sono osservate speciali". 

"Dal 2011 l’amministrazione provinciale ha visto ridurre, in maniera considerevole, gli investimenti in manutenzione e monitoraggio - aggiunge Romagnoli - che sono passati da un milione di euro a circa 500 mila euro, così come si è dimezzato il personale tecnico. Per evitare che si ripeta quanto accaduto a Genova, gli ingegneri chiedono al Governo che venga redatto un piano di conoscenza delle principali opere infrastrutturali nel territorio nazionale per poi arrivare a firmare un protocollo nazionale di valutazione e classificazione delle
infrastrutture per determinare le modalità di controllo ed intervento in maniera indicizzata, trasparente dei dati su unica piattaforma”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ponte Morandi, un mese dopo: l'appello degli ingegneri anconetani per monitorare le nostre strade

AnconaToday è in caricamento