Salvarono le donne dall'allagamento, negata la promozione a due poliziotti eroi

Ratificate solo quattro promozioni rispetto ai sei uomini che lo scorso giugno hanno salvato due donne rimaste intrappolate in auto durante l'allagamento del sottopasso

l'auto dove erano rimaste intrappolate le donne

Lo scorso giugno, quando la bomba d'acqua allagò il sottopasso di via Caduti del Lavoro, non esitarono a correre per salvare due donne rimaste intrappolate in auto e a rischio annegamento. Ci si aspettava la promozione di tutti e sei i poliziotti eroi protagonisti di quella vicenda ma così non è andata. Lo denuncia il Siulp. «Un orgoglio per la nostra città e per l’attività di tutti i colleghi della Polizia di Stato che operano nella provincia di Ancona – scrive il sindacato - Tutti si aspettavano la Commissione centrale ricompense di Roma ratificasse la proposta premiale del Questore di Ancona e invece solo a 4 dei 6 colleghi è stato confermato e riconosciuto il massimo riconoscimento, rispetto alle 6 promozioni per merito straordinario ed 1 encomio suggerite».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I poliziotti eroi erano già stati ricevuti a roma dal Capo della polizia Gabrielli, contattati dalla segreteria di Salvini e anche ricevuti in udienza speciale da papa Francesco. «Il Siulp – attacca Alessandro Bufarini, segretario provinciale del Siulp - non è soddisfatto di tale decisione poiché ritiene che la valutazione della diversificazione del premio concesso rispetto alla proposta sia stata frutto di una visione e valutazione non completa dell’evento che tende a svilire il lavoro svolto. Probabilmente, nella decisione ha influito solo la valutazione puramente tecnica relativa alla tempistica con cui gli operatori intervenuti si sono gettati in acqua per salvare le due signore, non considerando tutta l’attività. È come se concedessimo la coppa di una finale solo al giocatore che ha segnato il gol e non a tutti i giocatori che disputano la partita compreso l’allenatore».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La piazza come una latrina, sorpreso a defecare: costretto a pulire i suoi escrementi

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • Nuovo Dpcm, arriva la firma di Conte: ecco cosa cambia da lunedì 26 ottobre

  • Folle corsa per la città, tra speronamenti e sorpassi: l'inseguimento e poi l'incidente

  • Il vento della protesta arriva anche ad Ancona

  • Contagio in aula, allarme in una scuola dell'infanzia: scatta la quarantena per i bimbi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento