Ladri in fuga per il centro e la Polizia spara, arrestato un 38enne: caccia al complice

Gli investigatori hanno poi ritrovato l'auto dei malviventi in via San Costanzo. Dentro c’erano una smerigliatrice e un piede di porco. Tutto al vaglio degli investigatori, che ora proseguono la caccia agli altri complici

La Polizia in via San Marcellino

Inseguimento da brividi in pieno centro storico per catturare dei ladri. E la Polizia spara. E’ quanto accaduto nel tardo pomeriggio di oggi (mercoledì 20 gennaio). Attimi di vero terrore quelli vissuti da alcuni residenti proprio sotto casa, tra via San Marcellino, via Santo Stefano e via San Costanzo. Proprio lì dove gli agenti delle Squadre Volanti, in costante contatto con la dirigente Cinzia Nicolini e il vice Franco Pechini, sono piombati all’inseguimento dei malviventi. Uno è stato scoperto mentre tentava di nascondersi nel balcone di una palazzina. Si tratta di un albanese di 38 anni, che in questo momento si trova nelle cella di sicurezza della Questura in stato di arresto. Il secondo ha fatto perdere le sue tracce dopo un inseguimento a piedi per tutto il centro città. Si sospetta anche la presenza di un terzo, probabilmente dileguatosi prima di tutti. L’allerta è arrivata intorno alle 19:00. Un residente di via Tagliamento ha segnalato la presenza di un’auto che si aggirava con sospetto per le vie del Quartiere Adriatico. Una Opel Astra Station Wagon di colore scuro senza cerchioni. La centrale operativa ha così diramato l’allarme a tutte le pattuglie, che hanno iniziato a stringere una morsa in quella zona, pattugliando a sirene spente le vie limitrofe. Tutto nella speranza di poter intercettare l’auto che, nel frattempo, si era spostata. Fino in zona Cittadella. Quando una volante è arrivata in via San Marcellino, i poliziotti hanno visto due uomini travisati sbucare da una viuzza. In quel momento è scattato l’inseguimento in via Santo Stefano.

L'INSEGUIMENTO. Proprio lì c’erano diversi residenti che rientravano a casa dal lavoro o portavano a spasso il cane. E’ stato il panico. Qualcuno ha sentito gli agenti intimare loro di rientrare in casa: «Tutti dentro! Rientrate dentro!» ha raccontato di aver sentito un residente che, impaurito, si è lanciato dentro casa, dove, racconterà più tardi, è rimasto barricato per ore senza il coraggio di aprire le finestre. Nel frattempo tra via Santo Stefano e via San Costanzo era un fuggi fuggi generale. Su Facebook un residente ha scritto: “Se vedete correre un uomo con jeans chiari e giacca blu azzurra, chiamate il 113. E’ un ladro”. Una descrizione che corrisponde esattamente all'uomo catturato pochi minuti dopo. Sarebbe stato lui ad arrampicarsi su un muro tra il civico 39 e il 43 di via Santo Stefano, arrivando in una balconata di La smerigliatrice e il piede di porco-2via San Costanzo. Si sarebbe accucciato, approfittando del buio. Ma i poliziotti non lo hanno mai perso di vista e, circondando la zona, sono riusciti a stanarlo. Arrestato. Nel frattempo un altro agente si era lanciato all’inseguimento del secondo presunto ladro, che aveva proseguito la sua corsa lungo la discesa di via Santo Stefano, in direzione via Montebello. E’ lì che l’agente gli ha intimato di fermarsi sparando un colpo di pistola in aria. Niente da fare. E la corsa è proseguita, per poi finire in piazza Cavour, dove il malvivente ha fatto perdere le sue tracce. Gli investigatori hanno poi ritrovato la Opel Astra accuratamente parcheggiata in via San Costanzo. Dentro c’erano una smerigliatrice e un piede di porco. Tutto al vaglio degli investigatori, che ora proseguono la caccia agli altri complici dell’albanese arrestato. 

IL FURTO POCO PRIMA. E forse la Polizia di Ancona ha sgominato una piccola banda che già oggi pomeriggio aveva colpito l'appartamento di un 72enne che vive solo in via San Marcellino. Lì i ladri sarebbero entrati in casa dalla sala, prendendo oro, gioielli e due orologi di grande valore affettivo per l'anconetano: uno della moglie e l'altro del padre, entrambi defunti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terribile frontale tra due auto, tragedia al tramonto: un morto e un ferito grave

  • Macabra scoperta al cimitero, neonato mummificato trovato sopra una bara

  • Tragedia in casa, trovato morto un papà di 44 anni

  • Tragico investimento in via Conca, l'uomo è morto in ospedale

  • Si fingono clienti, ma sono poliziotti: la squillo prende il cellulare e lo ingoia

  • Ucciso da un'auto davanti all'ospedale, Giuseppe era andato a trovare la moglie

Torna su
AnconaToday è in caricamento