Cronaca

Persone scomparse, collaborazione tra Polizia Locale ed Associazione Penelope Onlus

Sono quasi 50 mila in Italia le persone scomparse al 30 giugno 2017. Dietro questo impressionante numero ci sono vite da ricercare, vite da salvaguardare e famiglie da supportare

Sono 669 le persone scomparse nelle Marche dal 1974 al 30 giugno 2017. 50mila invece quelle in Italia. Dietro questo impressionante numero ci sono vite da ricercare, vite da salvaguardare e famiglie da supportare. Proprio per questo è nata una collaborazione tra la Polizia locale e l'Associazione Penelope Onlus, che mira a creare una rete di esperienze, di informazioni, di "intelligence" che sappia affrontare il problema terribile e crescente. L'iniziativa del Sulpl, sindacato unitario della polizia locale, e di Penelope, associazione che riunisce i familiari e amici delle persone scomparse, colma un vuoto nella risposta pubblica e nella risposta delle forze di polizia. Un impegno serio e importante che parte prima di tutto dalla prevenzione del fenomeno.

«Sono italiani e stranieri, minori ed adulti - afferma il Sulpl - persone malate e persone disperate (in aumento le scomparse che poi si rivelano suicidi per ragioni economiche). Dentro c'è anche il dato terribile che talvolta sfocia nel femminicidio. C'è il dramma dei bambini scomparsi, numero sempre più elevato, che al 30 giugno 2017 si attesta a 33.802 minorenni da ricercare. Sono minori che si allontanano dagli istituti o comunità in cui vengono affidati, minori che, a seguito di separazione, vengono sottratti da un coniuge al genitore affidatario, minori vittime di reato per i quali si ipotizza un sequestro di persona, prostituzione giovanile, adozione illegale, pedofilia, commercio di organi, riduzione in schiavitù. L’allontanamento volontario si conferma come motivazione principale secondo i dati forniti dall’Ufficio del Commissario Straordinario per le persone scomparse. In aumento anche gli scomparsi di età superiore a 65 anni, molto spesso, si tratta di persone affette da Alzheimer o di adulti con malattie neurologiche.La Polizia Locale, che è in prima linea per tante attività, lo è anche in questo. Diffusione territoriale, presenza in quasi tutti gli 8100 comuni italiani (la più diffusa in assoluto tra le forze di polizia), dialogo con le persone, naturalezza ad essere polizia di prossimità e di comunità». 

«Questi i punti di forza che investono la PL della "mission". Adesso c'è un punto di forza in più. Il forte impegno dell’ Associazione Penelope onlus, in prima linea sulla complessa tematica e a supporto da tempo dei familiari degli scomparsi e del Sulpl, il principale sindacato della polizia locale, che da sempre si muove non solo in materia sindacale, ma anche per l'ambito sociale e professionale dei poliziotti locali. Infatti dalla collaborazione tra Penelope e Sulpl nasce una iniziativa specifica e forte».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Persone scomparse, collaborazione tra Polizia Locale ed Associazione Penelope Onlus

AnconaToday è in caricamento