menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio

Foto di repertorio

«Ordini ai vigili per non farli intervenire», botta e risposta in consiglio comunale

La questione è stata sollevata in consiglio comunale tramite le interrogazioni al sindaco da parte di Marco Ausili (FdI) e Daniele Berardinelli (FI)

Polizia municipale non autorizzata a intervenire davanti a determinate violazioni di norme? La questione è stata sollevata in consiglio comunale dai consiglieri Marco Ausili (FdI) e Daniele Berardinelli (FI). 

«Si vuole colpire la pg?»

«Ho avuto notizie di autisti Conerobus che hanno chiesto interventi ma hanno poi visto la polizia municipale venire bloccata da apparenti “ordini dall’alto”- ha detto in particolare Barardinelli- i carabinieri vengono inviati a supporto senza motivo, quando potrebbero essere impegnati in altri interventi. Così si svilisce il ruolo della Polizia municipale e vorrei capire se c’è un tentativo di delegittimare la sezione di polizia giudiziaria togliendo interventi per dimostrare una inutilità del loro servizio». Il capogruppo FI ha portato due esempi in particolare: «Una persona evasa dai domiciliari al Piano il 9 marzo 2021, in cui sono stati chiamati i carabinieri ed è stato impedito agli agenti della municipale di mettere in sicurezza la persona. Nel caso di un incidente che ha coinvolto una bambina, clandestina come il suo tutore, sembra che alla municipale sia stato detto di intervenire ma solo per rilevare l’intervento stradale e si è impedito di fare luce sull’altro reato». Ausili ha chiesto: «Se alcuni ufficiali hanno dato espresse disposizioni di non occuparsi di controlli volti al mantenimento della convivenza civile, reprimendo condotte sanzionabili sotto il profilo amministrativo e quello penale. Sono mai state fatte intervenire altre forze di polizia senza che fosse necessario?».  

«Compiti diversi da forze di polizia»

«I compiti della Polizia Locale sono ben delineati e diversi da quelli delle forze di polizia- ha risposto la Mancinelli- e comunque il corpo opera sempre in stretta collaborazione con Polizia di Stato, carabinieri e guardia di finanza nel rispetto delle proprie competenze. Questo non significa che se gli agenti si trovano davanti a una violazione di norma non intervengono, tutt’altro. Non ci sono mai stati ordini, e ci mancherebbe, per impedire ai nostri agenti di intervenire davanti a condotte sanzionabili, sempre e comunque in collaborazione con le altre forze di polizia. Questa cooperazione è stata consolidata negli ultimi anni, io stessa ho partecipato a diversi incontri in Prefettura dove sono state definite modalità di cooperazione con le altre forze. L’utilizzo operativo degli agenti è disposto dalla dirigente anche a seconda delle occorrenze e prima della pandemia abbiamo istituito di nuovo i vigili di quartiere per il controllo del territorio, in un ruolo però diverso da quello che fanno i carabinieri o i poliziotti. La cattura di un evaso- conclude il sindaco- sono funzioni proprie di polizia e carabinieri e la polizia locale può agire in cooperazione». Ausili e Berardinelli hanno rinnovato la richiesta di una commissione d’inchiesta: «Ma in questa città bisogna che intervenga la magistratura- ha concluso Berardinelli- cercando di chiarire tutto quello che negli anni i consiglieri di minoranza hanno segnalato».

Il caso della "Matricola 64"

Caso Caglioti, il sindaco: «Non lo abbiamo mai deposto»

Cambio al vertice della Municipale, Caglioti destituito


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento