Botti di Capodanno, i consigli della Polizia per non farsi male

Statisticamente, le principali lesioni sono su mani, viso, occhi, parti del corpo e le persone più esposte sono i bambini e i ragazzi

Con l'arrivo delle feste di fine anno si verifica il maggior numero di incidenti provocati dall'abitudine di accendere petardi e fuochi d'artificio senza adottare adeguate misure di sicurezza per tutelare la salute delle persone. Statisticamente, le principali lesioni sono su mani, viso, occhi, parti del corpo e le persone più esposte sono i bambini e i ragazzi. Ecco i consigli della Polizia per non farsi male:

  • Non acquistare botti illegali. Non rivolgersi a venditori non autorizzati e segnalare alla Polizia ogni possibile artificio non legale.
  • Non indirizzare mai i fuochi verso le persone, balconi, finestre, bidoni dell’immondizia, auto, addobbi natalizi e non accenderli mai dentro le abitazioni.
  • Allontanare i bambini: non permettere ai più piccoli di avvicinarsi ai botti, specialmente nei momenti in cui vengono utilizzati.
  • Accendere sempre un artifizio alla volta, avendo l’accortezza di tenere gli altri fuochi lontano e al riparo da eventuali scintille.
  • Non avvicinare mai il viso all’artifizio pirotecnico.
  • Se trovate un botto inesploso, in strada oppure a casa, non toccatelo.  Molti ferimenti avvengono il “giorno dopo” a causa dei botti inesplosi che si trovano per strada. Ricordatevi che un botto abbandonato o difettoso potrebbe esplodere da un momento all’altro quindi non toccateli.
  • L’utilizzo improprio può incendiare gli abiti che si indossano quando usate un fuoco d’artificio. Mai mettere giacconi o maglioni di pile o fibra sintetica, e nemmeno indumenti acetati come tute sportive. Basta una scintilla per trasformare questi abiti in torce di fuoco.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il nuovo Dpcm arriva il 3 dicembre, limitazioni tra regioni e raccomandazioni per il Natale

  • Marche di nuovo in zona gialla, Acquaroli: «C'è la conferma del ministro Speranza»

  • Blitz in via 25 Aprile, Carabinieri e Polizia in massa blindano la strada: 4 arresti

  • Non lo vedono giorni, i vicini danno l'allarme ma è troppo tardi: uomo morto in casa

  • Sette furti, poi l'inseguimento da Polverigi ad Ancona: chi sono gli arrestati di via 25 Aprile

  • Marche di nuovo in zona gialla? Acquaroli ci spera: «La curva sta scendendo»

Torna su
AnconaToday è in caricamento