rotate-mobile
Cronaca

Pnrr, il Comune porta a casa 51 milioni di euro di finanziamenti. Focus su rigenerazione urbana e svolta green

Sono 43 i progetti finanziati dentro il denominatore comune dei criteri di innovazione, efficientamento e sostenibilità ambientale e sociale. La città del 2026 vedrà il restyling di impianti sportivi, grandi contenitori, scuole e strade nell’ottica di una mobilità sostenibile

ANCONA - Rigenerazione urbana, scuole e sociale, mobilità sostenibile, tutela del territorio e innovazione tecnologica sono gli assi portanti della programmazione del Comune di Ancona. Il perno è senz’altro l’opportunità offerta dal Pnrr che ha portato nelle casse cittadine ben 51 milioni di euro che corrispondono a una capacità di spesa ben più alta, intorno agli 80 milioni di euro, in quanto molti interventi si attivano grazie alla presenza di cofinanziamenti o consentono di liberare risorse già impegnate, in favore di ulteriori progetti. «Un pezzo importante del futuro di Ancona sta qui» ha detto il sindaco Valeria Mancinelli nell’intento di restituire un quadro d’insieme della situazione. «Un treno che non potevamo perdere perché queste risorse e i relativi interventi cambieranno il modo di vivere la città nei prossimi anni» ha aggiunto l’assessore al Piano strategico, Ida Simonella.

I progetti

Sono 43 in totale i progetti finanziati dentro il denominatore comune dei criteri di innovazione, efficientamento e sostenibilità ambientale e sociale. Gli interventi a favore della rigenerazione urbana si possono suddividere in tre ambiti fondamentali: i grandi contenitori della città, gli impianti sportivi, le azioni specifiche di efficientamento energetico. Gli interventi sui grandi contenitori riguardano: il recupero del Mercato delle Erbe, per cui sono a disposizione dal PNRR 5.336.200 euro, il restauro e adeguamento impianti della Pinacoteca comunale Podesti (900 mila euro), il completamento e valorizzazione della Mole Vanvitelliana (3 milioni di euro), il restauro e risanamento strutturale della Biblioteca comunale Benincasa (4,6 milioni di euro, che coprono più della metà dei costi del progetto, che ammonta a 7,2 milioni di euro) e la ristrutturazione con adeguamento sismico del Palaveneto, rispetto il quale la giunta ha deliberato nel corso dell'ultima seduta (6 milioni di euro). Costo totale dei lavori è di circa 22,4 milioni euro, con un finanziamento Pnrr pari a circa 19,8 milioni di euro. Il finanziamento per gli impianti sportivi consentirà di realizzare la nuova piscina olimpica e il nuovo impianto per il tiro a segno: interventi che renderanno concreta la strutturazione della nuova cittadella sportiva di Passo Varano e funzioneranno da volano anche per ulteriori progetti. costo totale dei lavori è di 6,5 milioni di euro (2,5 per la piscina e 4 per l'impianto di tiro a volo con relative strutture di completamento e supporto), totalmente coperti dal Pnrr. Specifici progetti sono, infine, previsti per l'efficientamento energetico del Teatro delle Muse (finanziamento di 780 mila euro su un importo totale lavori di 1.543.000 di euro), del Teatro Sperimentale (finanziamento di 300 mila euro su un importo totale lavori di 635 mila euro) e di altre strutture comunali (finanziamento di 210 mila euro a copertura di tutti gli interventi previsti). Tutti i lavori si trovano in fase di progettazione e il costo totale è di circa 2,4 milioni di euro con una copertura Pnrr di 1,3 milioni di euro.

Le scuole

Per le scuole sono previsti, e in parte già effettuati, interventi di adeguamento e miglioramento sismico, antincendio e di efficientamento in 16 plessi oltre alla riqualificazione dell’area sportiva esterna della scuola Podesti. Due blocchi di interventi, per un totale di 11 scuole, sono già conclusi. Per gli altri plessi i lavori sono in corso. Il costo totale, coperto dal Pnrr, è di circa 3,7 milioni di euro a cui si sommano 5,2 milioni di euro per la realizzazione di nuove sedi per i nidi Agrodolce Collemarino e Alba Serena via Misa allocati nella scuola Sabin e 1,5 milioni di euro per i progetti riguardanti la realizzazione di nuovi spazi dedicati alle mense nelle scuole Antognini, Ungaretti e Leopardi. Per le nuove realizzazioni l'aggiudicazione è prevista entro marzo 2023 e il termine entro dicembre 2025. Il totale dei fondi Pnrr per le tre voci ammonta a 10,4 milioni di euro.

Mobilità sostenibile 

I fondi del Pnrr saranno impegnati per l’acquisizione di autobus a emissioni zero e pre la realizzazione delle relative infrastrutture di supporto all'alimentazione, per il rinnovo del parco veicoli Tpl, con un costo totale di 3,8 milioni di euro. Per la realizzazione di percorsi ciclopedonali con relative opere accessorie tra la stazione Ancona Stadio e il Polo universitario di Monte D’ago e tra la stazione Ancona Centrale e l'Ospedale di Torrette il costo totale coperto da Pnrr è di 1,6 milioni di euro. A questi finanziamenti (in totale 5,4 milioni di euro), si aggiungono i fondi per il trasporto rapido di massa e piano nazionale mobilità sostenibile, per un totale di 20 milioni di euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pnrr, il Comune porta a casa 51 milioni di euro di finanziamenti. Focus su rigenerazione urbana e svolta green

AnconaToday è in caricamento