Vietati caminetti e stufe a pellet, il sindaco firma l'ordinanza anti pm10

Fino al 15 aprile. L’assessore Barchiesi: «Anche questo provvedimento rientra tra le azioni messe in campo per contenere e monitorare le emissioni»

La pizza con forno a legna: una bontà che dovrà attrezzarsi

È stata siglata oggi, 13 marzo, dal sindaco Stefania Signorini, una nuova ordinanza per contenere l’emissione di polveri sottili Pm10 e di ossidi di azoto in atmosfera, atto che recepisce le novità indicate dalla delibera di Giunta regionale 103 del 4 febbraio scorso. Il provvedimento, in vigore fino al 15 aprile, vieta ai privati l’accensione degli impianti e dei singoli apparecchi termici a biomassa, come caminetti e stufe a pellet (se in casa è funzionante anche un altro tipo di riscaldamento) e impone alle attività produttive che utilizzano la combustione di biomasse di adottare sistemi di abbattimento delle polveri. Ad esempio le pizzerie con il forno a legna: dovranno essere dotati di sistemi di abbattimento dei fumi e comunicarlo al Comune. Alle attività produttive è vietato anche l’utilizzo di olio combustibile. Restano confermati i divieti alla circolazione per le auto più inquinanti già in vigore dal 2014 e aggiornati negli anni successivi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Quanto al fenomeno della concentrazione di polveri sottili nel territorio falconarese, negli ultimi anni i dati registrati dalle centraline evidenziano un calo costante a partire dal 2016, dopo periodi di forte criticità: si è passati dagli 87 sforamenti del 2009 ai 17 del 2018 registrati dalla centralina Falconara Scuola. La normativa vigente ammette fino a 35 sforamenti dei limiti consentiti per legge (pari a 50 microgrammi di polveri per metro cubo d’aria) ogni anno. «Anche se i dati degli ultimi anni sono migliori rispetto a molte città limitrofe – dice l’assessore all’Ambiente Valentina Barchiesi – visto che Falconara subisce una notevole pressione ambientale abbiamo seguito le indicazioni della delibera di Giunta regionale per ridurre le concentrazioni degli inquinanti atmosferici, indicazioni che i Comuni avevano la facoltà di attuare. In passato abbiamo sollecitato più volte l’Arpam affinché vengano installate nuove centraline e sia garantita l’efficienza costante di quelle esistenti. Abbiamo inoltre richiesto il monitoraggio di ulteriori sostanze inquinanti, oltre a quelle già oggetto di analisi».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, ordinanza di Acquaroli: didattica a distanza nelle scuole e mezzi pubblici al 60%

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • La piazza come una latrina, sorpreso a defecare: costretto a pulire i suoi escrementi

  • Nuovo Dpcm, arriva la firma di Conte: ecco cosa cambia da lunedì 26 ottobre

  • Folle corsa per la città, tra speronamenti e sorpassi: l'inseguimento e poi l'incidente

  • Il vento della protesta arriva anche ad Ancona

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento