rotate-mobile
Giovedì, 13 Giugno 2024
Cronaca Senigallia

Piscina delle Saline, prescritto l’abuso d’ufficio per Mangialardi. Esce dal processo insieme a due ex assessori

Via dal procedimento l’ex vicesindaco vicesindaco Maurizio Memè e Simonetta Bucari che aveva la delega alla Cultura

SENIGALLIA - Arriva la prescrizione per l’abuso d’ufficio contestato per il caso della piscina delle Saline all’ex sindaco Maurizio Mangialardi e due suoi ex assessori, Maurizio Memè (ex vicesindaco) e Simonetta Bucari che aveva la delega alla Cultura. Ieri sono uscito ufficialmente dal processo in corso al collegio penale di Ancona. Il procedimento continuerà solo per i membri Uisp, Massimo Tesei, responsabile organizzativo del comitato di Senigallia, e Giorgio Gregorini, ex presidente territoriale. Per loro l’accusa è di truffa aggravata per aver inviato «un rendiconto mendace dell’attività della piscina, difforme dal bilancio effettivo, inducendo in errore i funzionari comunali sui reali utili ottenuti omettendo così di versare le somme dovute all’amministrazione». Ai membri della giunta veniva contestata la proroga della gestione dell’impianto delle Saline alla Uisp, votata in una delibera di giunta del 2015, anziché indire una procedura ad evidenza pubblica.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piscina delle Saline, prescritto l’abuso d’ufficio per Mangialardi. Esce dal processo insieme a due ex assessori

AnconaToday è in caricamento