«Si cerchi un altro locale»: la risposta della Mancinelli riaccende la miccia al Pippo Bar

Dopo lo tregua estiva il titolare ha incontrato il sindaco e la risposta del primo cittadino ha riacceso la polemica

Il Pippo Bar

L’estate è alle spalle, le polemiche tra il Pippo Bar e il Comune non ancora. Gli orari di attività del locale di via Sparapani tornano nell’occhio del ciclone dopo l’incontro tra il titolare Pier Paolo Orlandini (nella foto sotto) e il sindaco Valeria Mancinelli: «Non ci concedono l’allungamento dell’orario, gli incassi vanno a picco e ormai ho autonomia fino all’inizio del nuovo anno, anche se conto di arrivarci con molta fatica» spiega Orlandini. A maggio, dopo la segnalazione di alcuni residenti della zona che lamentavano volume troppo alto e schiamazzi a notte fonda, al bar fu vietata l’apertura prima delle 8 e la chiusura oltre le 20. Seguì una petizione a favore del locale che portò al parziale dietrofront dell’amministrazione. La nuova ordinanza prevedeva l’apertura alle 7 e chiusura alle 23, orario tuttora in vigore. Le serate musicali? Nessun problema, perché in estate Orlandini le avrebbe organizzate al Pirates Beach sulla spiaggia di Falconara come poi è effettivamente accaduto.

Con l’autunno però il problema si è riproposto e lo scorso 2 ottobre il titolare del Pippo Bar ha incontrato il primo cittadino: «Ho chiesto se poteva ridarmi l’orario libero per servire le consumazioni e di poter organizzare serate di musica live all’interno del locale per due sabati al mese fino alle 23,30. La sua risposta è stata “Assolutamente no, si cerchi un altro bar” con un tono molto rigido- racconta Orlandini- ad Ancona sono aumentati i locali che fanno musica fino a mezzanotte ed è giusto, anche se c’è chi sgarra fino alle 4, a me però è stata data quella risposta». E i residenti che a maggio si lamentavano degli schiamazzi cosa pensano?: «Molti li ho incontrati anche alla recente festa in parrocchia e si sono ammorbiditi. Hanno spiegato che per loro l’importante è che non ci sia gente sotto casa alle 3 della notte anche se noi chiudevamo massimo all’una. C’è stata elasticità da parte del quartiere, forse qualcuno è ancora intransigente, ma il sindaco ci ha preso a malvolere». Orlandini ribadisce che: «Qui problemi di ordine pubblico non ce ne sono mai stati, abbiamo avuto una cena con degli ultras e sono state persone squisite che non hanno creato problemi. Capisco che fare musica da discoteca fino alle 2 o alle 3 è sbagliato, io ho pagato mentre altri locali che fano musica vicino agli appartamenti no. Non capisco perché ci sono figli e figliastri». Se l’orario dovesse restare quello in vigore ad oggi: «Stiamo andando a gambe per aria- confessa Orlandini- il venerdì e il sabato molti ragazzi non vengono a fare le apericene perché dovendo chiudere alle 23 sanno che alle 22,30 devo già mandarli via. Sto perdendo una marea di clientela, gli incassi sono diminuiti del 60% e sono sei mesi che non riesco a pagare regolarmente l’affitto perché mi manca la clientela del venerdì e del sabato». Orlandini aveva già annunciato l’intenzione di trovare un altro locale alla Baraccola per il servizio invernale: «Lo stiamo cercando ancora, ma abbiamo avuto a che fare con dei curatori fallimentari e i tempi si sono allungati, per alcuni stabili liberi invece ci hanno chiesto affitti esagerati e non ci siamo potuti spostare».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Raffica di esplosioni, poi le fiamme altissime: maxi incendio nel porto di Ancona

  • Incendio al porto di Ancona, quella nube era tossica: ora c'è un'indagine della Procura

  • Incendio porto, in città non si respira: Comune chiude scuole e parchi

  • «Non c'erano sostanze tossiche», ma la Mancinelli non si fida e corre ai ripari

  • Notte d'inferno al porto, la lunga lotta contro l'incendio che ha devastato l'ex Tubimar

  • Si schianta con un'auto, camper si ribalta: un ferito è gravissimo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento