rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Cronaca Falconara Marittima

Pioggia e ancora sversamenti, Falconara chiede interventi immediati

Il Comune si affida a una recente delibera della Regione e chiede progetti entro 180 giorni e lavori nel prossimo triennio. Venerdì notte l'ennesimo sversamento

La stagione balneare non è ancora iniziata. La stagione degli sversamenti fognari in mare, con i conseguenti divieti di balneazione, non è mai finita. Nella notte tra venerdì 13 e sabato 14 maggio le prolungate precipitazioni hanno fatto tracimare nuovamente gli scolmatori presenti sul tratto di costa falconarese. Non tutti, questa volta. Tre, nella zona sud, hanno tenuto botta. Ma la misura è comunque colma. Tanto che il Comune, in attesa di essere convocato da Ancona per un consiglio comunale aperto che tratti il tema e ascolti il progetto elaborato da Multiservizi, ha scritto a tutti i soggetti interessati - Autorità d'Ambito Territoriale Ottimale, Multiservizi, Regione Marche e Arpam – una lettera dove si chiedono interventi immediati. 

La missiva, firmata dal sindaco Goffredo Brandoni e dall'assessore all'Ambiente Matteo Astolfi, fa riferimento a una recente delibera della Regione Marche che impone progetti di adeguamento entro 180 giorno dal ripetersi degli eventi e l'inserimento dei lavori nel triennio. La delibera, entrata in vigore a fine aprile 2016, non può essere chiamata per l'estate scorsa. Ma visti gli scarichi a mare registrati l'1 e il 2 maggio, l'amministrazione ha preso la palla al balzo. La lettera è di venerdì 13. Inviata poche ore prima del rovescio e dell'ennesimo sversamento con conseguente ordinanza. Tra la fine del primo stop e l'inizio del secondo, appena 4 giorni di balneabilità. Un incubo per i frequentatori ma soprattutto per gli operatori della spiaggia. 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pioggia e ancora sversamenti, Falconara chiede interventi immediati

AnconaToday è in caricamento