menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I nuovi pini

I nuovi pini

Pini pericolosi in centro, il Comune li farà abbattere: «Li sostituiremo»

Lo ha stabilito l’agronomo incaricato dal Comune, consultato nell’ambito dei lavori di ristrutturazione della strada in pieno centro città

Sono 13 i pini da abbattere nell’immediato lungo via Gobetti. Lo ha stabilito l’agronomo incaricato dal Comune, consultato nell’ambito dei lavori di ristrutturazione della strada in pieno centro città. Il tema è stato affrontato questa mattina nel corso della riunione congiunta delle Commissioni Lavori pubblici e Ambiente, presiedute da Luca Grilli e Giorgia Fiorentini. Oltre a un pino già abbattuto, un altro sarà eliminato a breve perché chiaramente compromesso. Gli altri 12 alberi da abbattere non hanno superato le prove di trazione cui sono stati sottoposti in totale i 25 pini più a rischio: il test, che simula gli effetti di raffiche di vento, ha evidenziato livelli di rischio non accettabili. Altri otto alberi avranno bisogno di opere di consolidamento: il suggerimento dell’esperto è di utilizzare cavi che mettano in sicurezza i rami, in modo che non cadano sulla strada in caso di forti sollecitazioni. Per sei di questi alberi la stabilità dovrà essere di nuovo verificata tra un anno. Tutti gli altri dovranno essere riesaminati entro due anni. Tutti i 44 esemplari che sorgono in via Gobetti sono stati comunque valutati e per ognuno di quelli che non sarà abbattuto dovrà essere eseguita una potatura periodica, con l’eventuale diradamento dei rami.

Al posto degli alberi abbattuti, spiega una nota del Comune, saranno piantati nuovi pini già individuati: si tratta di alberi con più di tre anni, con le radici ormai formate. L’indirizzo dell’amministrazione comunale è infatti quello di mantenere le stesse essenze arboree, in modo da preservare le caratteristiche paesaggistiche di via Gobetti e l’omogeneità del viale alberato. Le piantumazioni avverranno in autunno, durante il riposo vegetativo delle piante, il primo periodo utile come previsto dalla normativa. Per la prima volta a Falconara, inoltre, saranno piantati 75 nuovi alberi al posto di quelli abbattuti nel corso degli ultimi vent’anni in tutte le strade cittadine. E’ quanto prevede un atto di indirizzo della Giunta su proposta dell’ufficio Ambiente, che ha effettuato una ricognizione. Attorno a ogni pianta, anche per via Gobetti, sarà creata un’aiuola per proteggerla da potenziali urti. Sarà data la priorità a piazze e aree pedonali (tra cui via Baluffi e Balcone del Golfo, piazza Mazzini, piazza Gramsci, area pedonale di via la Marmora), quindi alle vie con aiuole rimaste vuote a causa degli abbattimenti (come le vie Repubblica, Leopardi, Marsala, Matteotti, Galliano) e a quelle con minori criticità di parcheggio (come le vie Cipriani, De Bosis, Martiri della Resistenza). Il progetto di ripiantumazione ha lo scopo di ridurre i livelli di inquinamento atmosferico, mitigare nei periodi estivi gli eccessi termici tipici dell’ambiente urbano, migliorare l'estetica cittadina e conservare e arricchire la biodiversità.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Scuole chiuse in tutta la città: il sindaco firma l'ordinanza

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento