A Pierpaolo servono cure, la raccolta fondi si arena: «Chiediamo aiuto alla famiglia di Lollo»

Pierapaolo Piras ha 42 anni e vive nel foggiano. E’ affetto da una forma di linfoma non-Hodgkin, ha avviato una raccolta fondi su Gofundme, che però si è arenata e ora la famiglia chiede aiuto a quella di Lorenzo Farinelli

A sinistra Lorenzo Farinelli e a desta Pierpaolo Piras

Pierapaolo Piras ha 42 anni, è di origini sarde ma residente da 14 anni nel foggiano a San Paolo di Civitate. E’ affetto da una forma di linfoma non-Hodgkin, ha avviato una raccolta fondi su Gofundme per sottoporsi quanto prima alla cura sperimentale denominata Cart -T e ora, la sua famiglia, si appella alla Fondazione Lorenzo Farinelli

«Noi attualmente ci siamo arenati perché siamo arrivati a 300mila euro, la raccolta si è fermata e cerchiamo aiuto, delle indicazioni per capire come muoverci, sotto vari punti di vista». A parlare è Ernesta Altieri, amica della famiglia Piras e in prima linea per la battaglia di Pierpaolo, come riporta FoggiaToday. «Noi eventualmente, se ce ne fosse bisogno, potremmo fare una fondazione, o appoggiarci a quella anconetana. Anche perché, se dovessimo raccogliere più del dovuto, potremmo anche metterlo a disposizione della famiglia Farinelli, o comunque della fondazione, affinché possano andare a persone che hanno bisogno, come Lorenzo ha già fatto con Calogero, che conosciamo e sappiamo che adesso è in Israele».

Video - Ciao sono Pierpaolo e sono affetto da una malattia rara

La vita di Pierpaolo è appesa a un filo, ha bisogno di una terapia molto costosa .”Ha affrontato più cicli chemioterapici secondo le indicazioni dei protocolli medici nazionali. È stato trattato anche con una terapia sperimentale attraverso il farmaco Polatuzumab arrivato direttamente dagli Stati Uniti, ma purtroppo nessuna cura fino ad oggi ha sortito l’effetto che speravamo - raccontano familiari e amici su GoFundMe – Pierpaolo è un paziente refrattario, vuol dire che il suo male è stato resistente a tutti i trattamenti fino ad ora eseguiti. Pierpaolo è stato indicato come un paziente non ottimale, dal Sistema Sanitario Italiano, per l’uso delle Cart-T. L’unica prospettiva al momento è andare all’estero: l’Ospedale Saint Louis di Parigi e lo Sheba Medical Center di Tel Aviv hanno già dato il loro parere favorevole alla cura”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il costo è altissimo e sfiora i 500mila euro. Gli stessi che riuscì a raccogliere Lollo, poco prima di morire. Per questo motivo la famiglia ha lanciato una raccolta fondi sociale, che però ora è ferma. C’è bisogno di aiuto e la prima speranza per il paziente pugliese è la Fondazione Farinelli

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, ordinanza di Acquaroli: didattica a distanza nelle scuole e mezzi pubblici al 60%

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • Le Marche corrono ai ripari: raddoppio vaccini, tamponi in farmacia e potenziamento Usca

  • Erano l'incubo degli adolescenti, costretti ad inginocchiarsi: arrestati 5 baby stalker

  • Chiusura piazza del Papa, la Mancinelli avverte: ora palla agli anconetani

  • Terapie intensive, Marche terzultime in Italia: apre il Covid Hospital con medici militari

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento