Martedì, 19 Ottobre 2021
Cronaca Centro storico / Piazza del Plebiscito

Capodanno 2018, applausi per Colapesce e Jolly Mare ma la piazza è piena a metà

Tantissime le coppie e i gruppi arrivati da fuori regione. Il cantautore Colapesce: «L'accoglienza sembra quella del sud». E' stata festa, ma in una piazza piena per metà della sua capienza

Il 2017 ha salutato Ancona in una piazza del Papa piena a metà e a dare man forte alla festa anconetana sono arrivate coppie e gruppi da fuori regione. Pochi secondi alla mezzanotte, dal palco l’assessore comunale alla cultura Paolo Marasca lancia il conwntdown e allo scoccare della mezzanotte è festa vera. Qualcuno fa anche esplodere dei petardi nonostante il divieto stabilito dall’ordinanza comunale, senza conseguenze se non sussulti improvvisi dei presenti. Sofia e Marco si abbracciano e si baciano dopo il selfie davanti al palco, Giulio e Arianna improvvisano una danza sulle rampe che collegano la piazza alla chiesa di San Domenico. Mohammed, 30enne tunisino, mostra le sue doti da ballerino circondato da un gruppo di amici che lo applaude. Paolo ha sua figlia a cavalcioni sul collo per permetterle di vedere l’esibizione sul palco di due grandi talenti della musica italiana, il cantautore siciliano Lorenzo Urciullo alias Colapesce e il dj Fabrizio Martina, in arte Jolly Mare.

Ad Ancona da fuori regione 

Alessandro e Ludovica sono in prima fila davanti alla transenna che separa la piazza dall’area del palco. Vengono da Pesaro: «Siamo qui per questo concerto, seguiamo Colapesce e Jolly Mare e ci fa piacere che suonino vicino casa». Laura è arrivata ad Ancona da Venezia. Perché capodanno qui? Risposta secca: «Per cambiare». Francesco e Monia invece arrivano da Modena: «E’ colpa mia- esordisce lei- non ci siamo organizzati per tempo, ma volevamo andare al mare e vedere qualcosa di diverso. Di Ancona ci posrtiamo via il bellissimo tramonto di stasera». Una ragazza suona una trombetta verde, di quelle usate comunemente per carnevale e insieme al suo fidanzato forma la coppia preferita da molti fotografi. C’è perfino un gruppo di giapponesi che augura il “buon anno” improvvisando balli sulla musica che arriva dalle casse dei locali. 

La sicurezza

Piazza del Papa è blindata da circa venti agenti, schierati complessivamente dalla Polizia Municipale, il Nucleo Operativo Radiomobile dei Carabinieri e l’Unità Operativa di Pronto Intervento della Questura. In piazza anche agenti in borghese per garantire un capodanno sicuro. L’accesso degli automezzi in piazza è impedito da una dozzina di blocchi di cemento disposti in gruppi da tre e posizionati nei diversi accessi della piazza: otto nella parte superiore, davanti alla chiesa di San Domenico, gli altri a chiudere parzialmente  l’accesso da via Gramsci. Parzialmente, perché un varco sorvegliato da una pattuglia della municipale è stato lasciato aperto per garantire l’eventuale arrivo di mezzi di soccorso. Un’ambulanza della Croce Azzurra di Sirolo e personale del 118 era pronto e posizionato davanti all’ingresso della Prefettura. 

Colapesce: «Accoglienza come al sud Italia»

Pochi minuti dopo la mezzanotte Colapesce accorda la sua chitarra. I minuti prima del concerto sono un viavai tra il palco e la piccola tenda verde che fa da camerino. Anche se i numeri della piazza non sono da record, l'atmosfera è calda: «L’accoglienza è bellissima, sembra di essere al sud- ha detto l'artista ai nostri microfoni tra una prova e l’altra, prima di augurare a tutti gli anconetani - un 2018 come lo desiderate». Poi è musica con i brani che stanno lanciando il cantautore siciliano nell’elite della musica italiana. “Satellite”, “Sospesi” e “Ti attraverso” sono solo alcuni dei singoli che gli anconetani hanno accompagnato con più o meno probabili doti canore. Applausi anche per Jolly Mare, che ha fatto ballare la piazza con la sua musica elettronica. Dopo le presentazioni di rito sul palco, Paolo Marasca ha risposto a chi chiede più movida e vita notturna: «Questa è una cosa che dipende in parte dal Comune, ma ci stiamo lavorando. Quello che abbiamo fatto negli ultimi anni ha portato a delle aggregazioni di persone e di gruppi che si occupano di attività notturna e serale. Sto ancora parlando con loro, vogliono attivare delle iniziative che noi siamo disposti a sostenere». 
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Capodanno 2018, applausi per Colapesce e Jolly Mare ma la piazza è piena a metà

AnconaToday è in caricamento