Cronaca

Le reti del peschereccio raccolgono un'anfora, si tratta di un reperto antichissimo

Ritrovata su un fondale di 7 metri, si tratta di di una manufatto in ottime condizioni anche se leggermente scheggiato nella parte superiore del collo

I finanzieri insieme all'anfora ritrovata

Quell’anfora si trovava sul fondale marino da chissà quanto tempo ed è stata raccolta dalle reti del peschereccio il cui capobarca ha consegnato alla sezione Navale della Guardia di Finanza di Ancona impegnata in una serie di controlli economico-finanziari in Adriatico. E’ quanto avvenuto ieri durante una serie di controlli della motovedetta “V.5018” che, a largo di Senigallia, durante una serie di controlli a bordo di un peschereccio, ha ricevuto in consegna il pregiato reperto archeologico. 

Ritrovata su un fondale di 7 metri, si tratta di di una manufatto in ottime condizioni anche se leggermente scheggiato nella parte superiore del collo e con concrezioni marine diffuse su tutta la parete. Secondo gli esperti della Soprintendenza per i beni archeologici si tratta di un’anfora fabbricata sulla costa adriatica  in un periodo storico tra il 2° secolo avanti Cristo e il 1° secolo dopo Cristo, adibita al trasporto di vino, olio e altri sostanze alimentari a bordo di navi provenienti dall’area del bacino del Mediterraneo orientale. 

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le reti del peschereccio raccolgono un'anfora, si tratta di un reperto antichissimo

AnconaToday è in caricamento