Peschereccio affondato a San Benedetto, la dorica "Carmarsub" avvia il recupero

Giovedì al via alle prime operazioni di recupero del peschereccio "Stella Bianca", affondato la sera dello scorso 2 dicembre dopo aver urtato la scogliera, poco prima dell'ingresso in porto

Giovedì al via alle prime operazioni di recupero del peschereccio “Stella Bianca”, affondato la sera dello scorso 2 dicembre dopo aver urtato la scogliera, poco prima dell’ingresso in porto. Nella tragedia, perse anche la vita l’armatore, di 31 anni. Ora, sedici giorni dopo, si è partiti con la primissima ricognizione, ad opera dei sub anconetani della Carmarsub. I ragazzi di Ancona si sono immersi per effettuare i primi scavi, predisponendo così l’area in questione per le imbracature, che poi dovranno essere fissate al relitto. Un’operazione fondamentale perché solo a quel punto si potranno tirare le cime e spostare il peschereccio di 17 metri.

Per quello però sarà necessario l’intervento del pontone “Ciclope” della Ilma (Impresa lavori marittimi Ancona) per spostare materialmente l’imbarcazione e riportarla così a terra dopo quasi un mese di in balia delle acqua marittime. Nelle operazioni sono stati anche coinvolti gli operatori della società di Porto San Giorgio, che si dovrà occupare di affrontare eventuali sversamenti di gasolio e liquami in mare durante le operazioni di rimorchio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiuso nel balcone mentre la compagna fa sesso, è lui ad essere denunciato

  • Tragedia fuori dalla galleria, pedone investito ed ucciso

  • Andava al circolo dagli amici, un furgone l'ha travolto: Gianni è morto così

  • Scopre l'amante, scoppia la bagarre in strada: sviene dopo le botte del marito

  • Va al Salesi per partorire ma la bimba muore: aperta un'inchiesta

  • Accosta la macchina e perde i sensi, soccorsi inutili: morto un automobilista

Torna su
AnconaToday è in caricamento