Cammina nella sabbia, punto da un pesce ragno: ragazzo soccorso a Mezzavalle

Il giovane stava facendo il bagno quando è venuto a contatto con la tracina: ecco cosa fare in caso di puntura

La tracina, comunemente nota come pesce ragno

Momenti di apprensione ieri pomeriggio nella spiaggia di Mezzavalle, dove un ragazzo è stato punto da un pesce ragno. Subito sono scattati i soccorsi. Sul posto è intervenuto il gommone di salvamento che ha accompagnato il giovane al molo per le cure del caso e il successivo trasferimento al pronto soccorso per accertamenti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La tracina, comunemente nota come pesce ragno, è una specie presente in tutto il Mediterraneo: il suo habitat naturale è il fondale sabbioso. Presenta degli aculei che possono provocare nell’uomo delle punture molto fastidiose perché le spine dorsali producono una sostanza velenosa, simile a quella delle meduse. Oltre al dolore, i sintomi possono essere nausea, vomito e tremore. In caso di puntura da pesce ragno, è importante cercare di far uscire il veleno iniettato premendo delicatamente la zona e controllando che non siano presenti gli aculei: è bene idratarsi e immergere la parte del corpo colpita in acqua calda. Il consiglio, comunque, è evitare rimedi fai-da-te che circolano sul web e affidarsi alle cure di un medico. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Raffica di esplosioni, poi le fiamme altissime: maxi incendio nel porto di Ancona

  • Incendio al porto di Ancona, quella nube era tossica: ora c'è un'indagine della Procura

  • Incendio porto, in città non si respira: Comune chiude scuole e parchi

  • «Non c'erano sostanze tossiche», ma la Mancinelli non si fida e corre ai ripari

  • Notte d'inferno al porto, la lunga lotta contro l'incendio che ha devastato l'ex Tubimar

  • La sindaca riapre le scuole, ma il Savoia-Benincasa non ci sta: «Noi restiamo chiusi»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento