Perugia-Ancona, ipotesi revoca appalto alla Astaldi: la Cna si dissocia

La Cna non appoggia la prospettiva di una revoca dell’appalto alla Astaldi

Maurizio Romagnoli

Il presidente Maurizio Romagnoli tiene a precisare che la Cna di Fabriano si dissocia completamente dai contenuti e dalle proposte emerse nella riunione tenutasi mercoledì 30 gennaio scorso presso la sede fabrianese della Comunità Montana.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Tale riunione, convocata non si sa bene da chi e a quali scopi, si è tenuta in ‘gran segreto’ tra Regione Marche, Regione Umbria, Società Quadrilatero, Anas, Ance ed altri, mentre non sono stati convocati altri soggetti che hanno un ruolo importante nella rappresentanza delle attività e dei cittadini, come la Cna, Confindustria, la Confcommercio ed il sindaco di Fabriano. La Cna non appoggia la prospettiva di una revoca dell’appalto alla Astaldi, come sembra essere emerso nel corso dell’incontro, in quanto questa scelta potrebbe ritardare considerevolmente la ripartenza dei lavori, andando ad aumentare i disagi sia delle attività produttive sia dei cittadini di tutta l’area. Cna inoltre tiene a ricordare che la richiesta, seppur opportuna, di provvedere quanto prima al pagamento delle imprese creditrici, così come è stata formulata nel corso dell’incontro suddetto, rischia di avere come conseguenza il dilatare e compromettere per lungo tempo la conclusione dei lavori. Cna infatti ben conosce la situazione economico-finanziaria di Astaldi e, proprio per questo, auspica che il sistema bancario conceda supporto finanziario alla ripresa dei cantieri e che le Regioni Marche e Umbria si facciano garanti con le banche per supportare le aziende in difficoltà, affinché si possa trovare una soluzione che garantisca alle imprese impegnate nei lavori di poter percepire il compenso pattuito nel progetto ma anche che i lavori possano riprendere il prima possibile per il bene di tutti».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, tampone obbligatorio per chi torna dai quattro Paesi monitorati

  • Coronavirus, sale la conta dei positivi: nelle Marche sono 32

  • Bonus Inps, Rubini su Facebook: «Io l'ho preso, ora processatemi»

  • Terribile schianto in autostrada, donna si ribalta con l'auto: atterra l'eliambulanza

  • Click, la cometa è servita: lo scatto perfetto di Andrea immortala lo spettacolo

  • Cani in spiaggia, cambia il regolamento: ora potranno accedere anche d'estate

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento