menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un'immagine di alcuni neuroni e sinapsi ricostruiti in 3D

Un'immagine di alcuni neuroni e sinapsi ricostruiti in 3D

Perchè dormiamo? La risposta arriva grazie ad un microscopio 3D

Uno degli autori della ricerca pubblicata dalla prestigiosa rivista Science, è Michele Bellesi del Dipartimento di Medicina Sperimentale e Clinica dell'Univpm

Perché dormiamo? A svelarlo uno studio che è stato appena pubblicato (venerdi 3 febbraio), dopo più di tre anni di lavoro, dalla prestigiosa rivista “Science”. La ricerca è stata condotta dall’Università Politecnica delle Marche in collaborazione con l'Università del Wisconsin-Madison e l'Università di San Diego negli USA sulla neurobiologia del sonno. 

L’uomo passa tutta la giornata a contatto con i diversi ambienti di vita e questo si ripercuote sulle sinapsi (le connessioni tra i nostri neuroni) capaci di farci apprendere senza accorgercene. Durante il giorno quindi le sinapsi aumentano e il sonno serve proprio per farle ritornare a livelli più sostenibili e ricaricarci per essere pronti il giorno seguente a nuove sinapsi e connessioni con l’ambiente. 

Lo studio, spiega il ricercatore dell' Univpm Michele Bellesi, «ci ha permesso di studiare le dimensioni delle sinapsi servendoci di un microscopio elettronico 3D, abbiamo misurato e ricostruito 7mila sinapsi creando il database più grande del mondo e scoprendo che dopo il sonno queste sinapsi si riducono”». Tutte le sinapsi si comportano allo stesso modo? «Le sinapsi sono il substrato della memoria e se tutte durante il sonno si rimpicciolissero sarebbero molti i ricordi persi nel sonno. In realtà la maggior parte delle sinapsi riducono le proprie dimensioni, ma si tratta solo di quelle piccole e medie. Le più grandi che hanno anche le informazioni più importanti non si riducono e rimangono stabili». «Proprio per continuare a scoprire i segreti dell’uomo e le complessità dell’ambiente in cui viviamo, come Università Politecnica delle Marche - ha detto il Rettore Sauro Longhi - abbiamo recentemente avviato il finanziato con nostre risorse, 7 milioni di euro, molteplici attività di ricerca nei diversi campi della scienze per continuare questa affascinante esplorazione della conoscenza».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento