Cronaca Quartiere Adriatico / Via Panoramica

Panchina del Passetto inglobata nella pedana, il caso in consiglio comunale

La pedana di legno di 164 metri quadrati comparsa alla pineta del Passetto fa discutere in consiglio Comunale, compresa la panchina rimasta “inglobata” nella  nuova pavimentazione

La pedana in pineta

La pedana di legno di 164 metri quadrati comparsa alla pineta del Passetto fa discutere in consiglio Comunale, compresa la panchina pubblica rimasta “inglobata” nella  nuova pavimentazione. Francesco Rubini, consigliere di Altra Idea di Città, e Lorella Schiavoni (M5S) hanno portato il caso all’attenzione del consiglio comunale. La doppia interrogazione al vicesindaco Pierpaolo Sediari ha voluto fare chiarezza sulle normative alla base dell’installazione, concessa ai titolari del nuovo ristorante. 

«Occupazione suolo pubblico è sottrazione alla collettività»

«La panchina pubblica inglobata? L’occupazione del suolo pubblico di per sé rappresenta una sottrazione dell’area all’uso della collettività, arredi compresi- ha detto Sediari- il parere della soprintendenza, come dispone il decreto legislativo, è sospeso fino al 31 dicembre 2021. Siamo in un regime di semplificazione e sulle domande non è più richiesta, per il periodo del Covid, un’imposta di bollo e l’obbligo del procedimento attraverso lo sportello unico. L’autorizzazione temporanea è stata rilasciata il 19 aprile 2021 ed è valida per la durata dello stato di emergenza del Covid- ha proseguito Sediari- la piattaforma era già prevista nella richiesta e nella planimetria allegata e risulta realizzata all’interno della superfice concessa, che comprende anche l’area accordata lo scorso anno con l’ascensore. Sono in corso verifiche, come per tutti gli altri dehors, della superfice effettivamente occupata». 

panchina passetto pedana 2-4

Le repliche

«Qualche controllo in più per verificare la corrispondenza della pedana ai requisiti previsti per l’area pedonale e la situazione della pineta intesa come “parco pubblico”, situazioni stabilite nel regolamento sui dehors, è doveroso- ha replicato Rubini- se l’interpretazione è che il “decreto ristori” cancella tutti gli atti interni dell’amministrazione è bene che questo venga detto in modo chiaro e netto». Lorella Schiavoni: «Non è stato visto l’attuale regolamento che prevede il divieto di installare le pedane interferendo con l’arredo urbano e quella panchina è diventata parte integrante della pedana. Nella domanda dell’imprenditore- conclude la Schiavoni- è previsto che l’attività venga svolta nel rispetto del codice della strada e del codice civile, e che pertanto vengano fati salvi i diritti di terzi. Mi pare però che questi diritti siano stati calpestati dall’amministrazione con l’autorizzazione a procedere». 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Panchina del Passetto inglobata nella pedana, il caso in consiglio comunale

AnconaToday è in caricamento