Contributi per l’autonoma sistemazione: «Ci sono, ma qui nessuno li ha ricevuti»

Il Pd e non solo chiedono spiegazioni al sindaco sui ritardi per la mancata erogazione dei fondi destinati a chi ha dovuto lasciare le proprie abitazioni nel 2016

foto di repertorio

Contributi per l’Autonoma Sistemazione, il Pd di Fabriano e l’Associazione Fabriano Progettista chiedono al sindaco Gabriele Santarelli di fare chiarezza sui ritardi nella liquidazione. La questione riguarda il sostegno di coloro che hanno dovuto lasciare le proprie abitazioni a seguito degli eventi sismici del 2016. 

«A distanza di qualche settimana, sul numero de L’Azione della scorsa settimana, il Sindaco riferiva sull’argomento attribuendo la responsabilità dei ritardi nell’erogazione dei contributi agli Uffici della Regione Marche. Sarebbe tutto fin troppo chiaro, se non fosse che da una semplice verifica presso gli organi competenti, alcuni cittadini sono venuti a conoscenza del fatto che le risorse destinate al Contributo per l’Autonoma Sistemazione per i cittadini fabrianesi (così come per tutti i Comuni della Regione colpiti dal Sisma) sono stati erogati per la mensilità di ottobre con decreto del 14.12.2017 e per quella di novembre con decreto del 19.12.2017. Contributi erogati ed a disposizione del Comune di Fabriano rispettivamente dal 19.12.2017 e dal 21.12.2017- si legge in una nota congiunta- ciò nonostante, a distanza di oltre un mese, i cittadini fabrianesi non hanno ancora ricevuto, come loro diritto, i contributi per l’autonoma sistemazione per le mensilità di ottobre e novembre 2017. Il 23.01.2018 ed il 24.01.2018». 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Via social network il sindaco ha fornito la propria spiegazione dei fatti affermando che i ritardi non sarebbero colpa degli Uffici della Regione Marche, bensì della chiusura natalizia della tesoreria bancaria e della necessità di aggiornare i codici IBAN dopo il passaggio di Veneto Banca ad Intesa San Paolo. «Il Sindaco con questa nuova versione sosteneva in sostanza che i cittadini aventi diritto al contributo non avrebbero dovuto dolersi con la Regione Marche, bensì con la Tesoreria e con Intesa San Paolo, dimenticando però di dire che l’integrazione dei sistemi informatici di Intesa era stata completata il giorno 11.12.2017, dunque ben prima dell’erogazione dei fondi da parte degli uffici regionali e che gli accrediti con le vecchie coordinate erano ormai indirizzati automaticamente sulle nuove coordinate bancarie- prosegue la nota- ci chiediamo se non fosse stato più opportuno prevedere tali circostanze, magari con anticipazioni dei contributi assegnati oppure informando correttamente i cittadini delle eventuali problematiche, anziché andare alla sistematica ricerca di inesistenti responsabilità altrui, con uno gioco di scaricabarile che la nostra città non merita. E’ chiaro a tutti che, nel tentativo di nascondere le proprie responsabilità di gestione degli Uffici comunali, il Sindaco Santarelli ha cercato invano di trovare pretesti poco credibili e soprattutto tacendo la verità dei fatti e la scarsa organizzazione di un servizio così delicato e che coinvolge numerose famiglie in difficoltà». Il Sindaco, prosegue la nota «ha infatti omesso di informare i cittadini che la Regione Marche ha provveduto all’erogazione dei contributi per l’autonoma sistemazione anche per il mese di dicembre con un decreto del 19.01.2018. Fatto di per sé positivo, se non fosse che i fabrianesi, a differenza degli abitanti degli altri Comuni terremotati, dovranno attendere altro tempo per riscuotere il contributo, poiché il Comune di Fabriano ha omesso di comunicare tempestivamente i dati del proprio fabbisogno per la mensilità di dicembre».
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, ordinanza di Acquaroli: didattica a distanza nelle scuole e mezzi pubblici al 60%

  • Le Marche corrono ai ripari: raddoppio vaccini, tamponi in farmacia e potenziamento Usca

  • Erano l'incubo degli adolescenti, costretti ad inginocchiarsi: arrestati 5 baby stalker

  • Chiusura piazza del Papa, la Mancinelli avverte: ora palla agli anconetani

  • Terapie intensive, Marche terzultime in Italia: apre il Covid Hospital con medici militari

  • Reparti Covid sold out a Torrette, scatta il blocco delle ferie per infermieri e Oss

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento