Le erbacce divorano il campo da calcio, il degrado va in gol 

Era un campo da calcio, oggi è simbolo di degrado. Il rettangolo di gioco è il biglietto da visita di un parco pubblico che ormai non c’è più. Il Comune annuncia l'intervento

Un'immagine del campo da calcio

Le panchine ci sono, ma sono nascoste nella vegetazione. Le altalene sono regolarmente al loro posto e sono addirittura quattro. Le prime due sembrano in regola, le restanti sono danneggiate e rasentano il suolo divorato dalla vegetazione incolta. Il biglietto da visita del parco di via Saba però, come già segnalato da un lettore nei giorni scorsi, è il campo da calcio riconoscibile solo dalle carcasse delle due porte che spuntano dalle erbacce. 

Il degrado 

Il parco dimenticato si trova sopra al parcheggio dell’Inrca ed è raggiungibile a monte, da via Umberto Saba, o da valle tramite il sentiero che lo collega al tornante di via Alessandro Manzoni. In entrambi gli ingressi è posizionato un cartello beffardo: “Area riservata ai giuochi per bambini”, con annesso divieto di accesso ai cani per i quali c’è, poco distante, un apposito sgambatoio ma che ha gli stessi problemi. Vedere bimbi che si divertono sull’altalena però è impossibile e tirare due calci a un pallone è addirittura fantascientifico (GUARDA IL VIDEO): basta attraversare quello che una volta era il campo da calcio per trovarsi con cardi e altre erbacce all’altezza delle ginocchia. Entrambe le porte, ridotte a pali e traversa senza reti, svettano come fossero iceberg nel senso che per buona parte sono sommerse dall’erba. Dietro la porta, lato via Saba, c’è una rete divelta di cui non si capisce la funzione visto che l’accesso all’area non è interdetto da nulla e nessuno. A presidiare il centrocampo c’è un grosso ramo, forse buttato a terra dalla bufera che ha colpito la città durante la scorsa notte o forse è rimasto lì da tempo. Quel che è certo è che sembra proprio lui il capitano della squadra di erbacce per la quale nessun arbitro ha ancora fischiato la fine della partita. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Interventi in settimana

«Da mercoledì prossimo saremo nella zona, se stanotte non avesse piovuto ci saremmo andati già oggi- ha commentato l’assessore alle Manutenzioni e alla Sicurezza Stefano Foresi- l’intervento è in programma, al massimo potrà slittare a giovedì. Prevede il taglio dell’erba e la sistemazione anche nell’area cani».
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Raffica di esplosioni, poi le fiamme altissime: maxi incendio nel porto di Ancona

  • Incendio al porto di Ancona, quella nube era tossica: ora c'è un'indagine della Procura

  • Incendio porto, in città non si respira: Comune chiude scuole e parchi

  • Coppia scatenata, sesso in pubblico: i passanti riprendono tutto col cellulare

  • «Non c'erano sostanze tossiche», ma la Mancinelli non si fida e corre ai ripari

  • Notte d'inferno al porto, la lunga lotta contro l'incendio che ha devastato l'ex Tubimar

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento