Parco Regionale Gola della Rossa, la modifica dei confini in commissione ambiente

Questo l’obiettivo che si prefigge la proposta di legge, presentata dal Consigliere regionale e Vice Presidente della Commissione Ambiente della Regione Marche Sandro Bisonni

«Ampliare l’estensione dei perimetri del Parco regionale della Gola della Rossa e della Riserva naturale del Monte San Vicino per includere un’importante zona di interesse faunistico e ambientale rimasta esclusa da giusta e necessaria tutela». Questo l’obiettivo che si prefigge la proposta di legge, presentata dal Consigliere regionale e Vice Presidente della Commissione Ambiente della Regione Marche Sandro Bisonni, oggi al centro di una apposita audizione.

«Un confronto molto partecipato – afferma Bisonni - che ha coinvolto i rappresentanti dei Comuni, delle Unioni montane, delle Associazioni ambientaliste e venatorie segno del grande interesse verso questa proposta che intende da un lato recuperare queste aree e proteggerle e dall’altro agevolare gli spostamenti e gli scambi genetici tra le due zone protette a beneficio di importanti specie faunistiche. L’incontro, al di là delle singole posizioni è stato particolarmente stimolante perché ha incoraggiato una discussione su temi importanti come i parchi, la valorizzazione dei territori, la tutela dell’ambiente e della fauna, le opportunità legate al turismo eco sostenibile che specialmente oggi può essere in grado di valorizzare aree naturali provate dal recente sisma che ha colpito la nostra regione».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Non lo vedono giorni, i vicini danno l'allarme ma è troppo tardi: uomo morto in casa

  • Marche di nuovo in zona gialla? Acquaroli ci spera: «La curva sta scendendo»

  • Lutto in Comune, morta a 45 anni la dipendente Patrizia Filippetti

  • Pauroso incidente a Sappanico, dell'auto rimane solo la carcassa

  • Il nuovo Dpcm arriva il 3 dicembre, limitazioni tra regioni e raccomandazioni per il Natale

  • «Democrazia sospesa dai Dpcm, ora querele contro chi li applica: polizia e sindaci»

Torna su
AnconaToday è in caricamento