Parco del Conero, via libera alla legge

«Un provvedimento che rappresenta il giusto equilibrio tra le esigenze rappresentate dai vari soggetti»

La Terza Commissione Ambiente del Consiglio regionale ha approvato a maggioranza la proposta di legge sul Parco del Conero. Una legge “ponte”, in attesa del riordino complessivo del sistema delle aree protette e dei parchi naturali, già avviato, che servirà a restituire operatività all’Ente, superando l’attuale fase di commissariamento. Un provvedimento, secondo la Regione, che rappresenta il giusto equilibrio tra le esigenze rappresentate dai vari soggetti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Proprio la “equilibrata rappresentatività” all’interno del Consiglio direttivo dell’Ente Parco (a 8) costituisce un valore della legge con un rappresentante della Regione, uno designato da ciascun Comune il cui territorio insiste in quello del Parco, un rappresentante delle associazioni ambientaliste, uno degli agricoltori, uno delle associazioni delle categorie che operano in ambito turistico, aspetto, quest’ultimo, di grande novità, anche rispetto alla proposta iniziale. Alla Regione viene, anche, riconosciuta la possibilità di effettuare la nomina del presidente dell’Ente, anche tra soggetti esterni al Consiglio direttivo, su proposta dello stesso Consiglio. La legge prevede, inoltre, che il Consiglio direttivo resti in carica cinque anni, coincidenti e collegati con la durata della legislatura regionale. “Una proposta di legge – afferma il presidente della Commissione, Andrea Biancani – che resta ad ogni modo aperta ai contributi che dovessero giungere in fase di passaggio in Aula, per arrivare ad un assetto quanto più condiviso e funzionale possibile”. “La Regione crede fortemente nel ruolo e nelle potenzialità dei parchi regionali, come fattore di crescita e di sviluppo per i territori – prosegue Biancani –prova ne sono i circa 2 milioni di euro previsti nel Bilancio regionale per ogni annualità dal 2019 al 2021, dopo anni in cui le risorse erano stanziate a fine anno, anziché ad inizio anno come avverrà per i prossimi tre”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, ordinanza di Acquaroli: didattica a distanza nelle scuole e mezzi pubblici al 60%

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • Le Marche corrono ai ripari: raddoppio vaccini, tamponi in farmacia e potenziamento Usca

  • Erano l'incubo degli adolescenti, costretti ad inginocchiarsi: arrestati 5 baby stalker

  • Chiusura piazza del Papa, la Mancinelli avverte: ora palla agli anconetani

  • Terapie intensive, Marche terzultime in Italia: apre il Covid Hospital con medici militari

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento