I parchi anconetani diventano palestre: ecco dove fare allenamento

Dal Forte Altavilla al parco al Parco Belvedere di Posatora: il Comune da il via libera a spazi per lo svolgimento di attività fisiche di centri fitness e palestre

Parco di Ancona

Il fitness non si ferma nonostante l'emergenza sanitaria. Per favorire la salute dei cittadini e permettere alle attività economiche connesse al benessere psicofisico, la Giunta comunale ha approvato una delibera con la quale concede l’uso esclusivo di spazi opportunamente dimensionati all’interno dei parchi pubblici ed aree verdi in città a favore di centri fitness, palestre e centri natatori, per lo svolgimento di  attività sportiva in forma organizzata sotto la propria responsabilità e nel rispetto dei protocolli per il contenimento del Covid-19. I parchi interessati sono: Parco Francella e Parco Belvedere di Posatora, il Parco Fiorani di Posatora (lato mare), Parco degli Ulivi a Collemarino, Parco Gabbiano a Torrette, Parco di Cittadella, Parco del Cardeto, Parco Unicef (Via Togliatti), Parco di Via Sacripanti Baseball, Parco ex Provincia (Via San Gaspare), Parco Piazza Fontana e Parco Via Scandali, Parco Chico Mendez (P.zza S. D’ Acquisto/Via Tarantelli), Parco Via Cambi, Parco Verbena e Parco Galassia, Parco Villa Beer e Parco Fantasia, Parco Via Fornetto(Via Padre Guido/Giri vari), Forte Altavilla.

All'interno di ogni parco urbano l’Ufficio verde e l’Ufficio sport, hanno individuato circa 100 metri quadrati funzionali allo svolgimento di attività ginniche nel rispetto delle norme previste. Questa attività non rappresenterà alcuna limitazione per la fruizione del parco  pubblico da parte della cittadinanza che comunque sarà aperto a tutti e regolarmente frequentabile. Da lunedì prossimo sarà disponibile l’avviso pubblico per le aziende del settore fitness che vorranno partecipare.
«Siamo – afferma l’assessore allo Sport, Andrea Guidotti -tra i primi comuni d'Italia ad aver avviato un'iniziativa di questo genere. Vogliamo essere vicini ad uno dei settori che soffrirà tantissimo gli effetti dell'emergenza Covid e delle nuove regole per gestire le attività. Ancona è una delle città italiane con maggiore disponibilità di parchi e  aree verdi, alcuni dei quali con scorci bellissimi e vogliamo trasformare questa risorsa in spazi per fare  sport e fitness all'aria aperta.
Può essere piacevole per le persone e soprattutto utile alle aziende che oggi, per le regole stabilite sui distanziamenti, possono sfruttare pochissimo i loro tradizionali spazi. Gli uffici hanno lavorato sodo in questi giorni, predisponendo per 16 parchi gli spazi possibili per questo utilizzo,  salvaguardando quelli per la libera circolazione delle persone e famiglie. Siamo pronti ad accogliere le richieste di coloro che risponderanno all'avviso pubblico. E ci auguriamo di fare scuola per altre città italiane».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


La delibera nasce dall’esigenza di contemperare due aspetti che si sono evidenziati per via dell’emergenza Covid. Da una parte favorire lo svolgimento di attività sportive su base organizzata in sicurezza, dall’altra sostenere le attività economiche legate al mondo sportivo e del fitness  che stanno subendo e subiranno forti limitazioni con pesanti impatti negativi e ripercussioni economiche aziende e dipendenti. Pertanto l’Amministrazione ha deciso di intervenire con un sostegno tempestivo e concreto prevedendo l’utilizzo di questi spazi per i quali, per le attività che vorranno avvalersene, è disposto anche l'abbattimento del canone Cosap pari al 90%  in deroga agli artt. 42 e 43 del Regolamento per l'applicazione del canone per l'occupazione di spazi ed aree pubbliche. Per garantire il rispetto del principio di parità di trattamento in caso di richieste plurime per le stesse zone, le aree saranno concesse dopo l’effettuazione di una procedura di evidenza pubblica basata sui seguenti criteri di selezione: vicinanza della sede del concessionario all’area concessa e numero di utenti frequentanti i corsi programmati. La dimensione e il numero delle porzioni di area possano essere rimodulate rispetto a quelle genericamente indicate, per meglio adattarsi alle richieste pervenute, fermo restando il principio della fruibilità delle restanti aree  del parco, alla cittadinanza per l’esercizio dell’attività libera.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, presentata la nuova Giunta Acquaroli: ecco tutti gli assessori con deleghe

  • Tragico investimento, travolta e uccisa da un'auto sotto gli occhi della nipotina

  • Concorso pilotato per favorire la fidanzata di un medico, primario nei guai

  • Covid al liceo, studentessa positiva al tampone: classe di 29 alunni in quarantena

  • Erano l'incubo degli adolescenti, costretti ad inginocchiarsi: arrestati 5 baby stalker

  • Ubriaco fradicio, tampona una donna: nel sangue un tasso alcolemico spropositato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento