Giovedì, 23 Settembre 2021
Cronaca Sirolo

Sirolo, festa grande per il Palio di San Nicola: vince la contrada di Sant'Erasmo

In migliaia per godersi la rievocazione storica e massima la soddisfazione degli organizzatori: «Il primo anno c'era stata una buona riposta, ma la partecipazione è andata sempre crescendo» ha detto Maurizio Bilò

La filata del Palio di San Nicola 2016

Mare, storia e cultura. E’ questa Sirolo: la cittadina insignita della 23° Bandiera Blu, negli stessi giorni in cui ha aperto le porte del tempo, per rivivere il proprio medioevo con la festa dedicata al suo Santo Patrono. Il tutto sotto la regia dell’associazione “Palio di San Nicola”, in collaborazione con la Proloco e il patrocino del Comune. Culmine della due giorni di festa è stato il “Palio delle Contrade”, arrivato alla sua 4° edizione e tenutosi domenica scorsa. La gara di corsa ha visto scontrarsi 11 rioni. I vincitori 2016? La contrada di Sant’Erasmo. Secondi i bianco-viola di San Francesco. Terzi a pari merito Fonte dell’Olio e Coppo. A seguire Vigne, Fonte, Castello, Cupetta, Mulini, San Lorenzo. Ultimi Madonnina. Ma a vincere davvero è stata la partecipazione perché l’obiettivo era anche questo: richiamare il turismo. La dice lunga il fatto che, per l’occasione, l’amministrazione comunale abbia reso gratuite anche le aree sosta a pagamento. Centinaia i sirolesi impagnati nel dare corpo alla rievocazione storica di una Sirolo che fu. Migliaia le persone accorse per godersi lo spettacolo. E massima la soddisfazione degli organizzatori: «Anche il primo anno c’era stata una buona riposta ma la partecipazione è andata sempre crescendo - ha detto il Presidente dell’associazione “Palio di San Nicola” Maurizio Bilò - Vedo che c’è più voglia di essere presenti. Evidentemente l’organizzazione ha funzionato. E’ stata una bella esperienza, siamo soddisfatti e questo ci fa ben sperare per il prossimo anno». In prima fila anche il sindaco Moreno Misiti che, per l’occasione, ha indossato i panni di Podestà. «Complimenti, anche perché siete riusciti a farmi travestire. Cosa che non facevo da quando avevo 7 anni». Ha scherzato così il primo cittadino che, dalla scalinata del Comune, ha dato il via alla manifestazione alle ore 15:30.

SFILATA E PALIO. Il pomeriggio sirolese ha preso il via con la sfilata di tutti i partecipanti al palio, ma anche di centinaia di figuranti. Ognuno con indosso un abito che rappresentasse uno specifico personaggio della storia medievale locale. Una camminata lunghissima, capace di colorare tutta via Giulietti fino a piazzale Marino, vero cuore del folclore locale. Lì, dove vi era arrivo e partenza della Disfida, della Canaja (bambini dagli 11 ai 13 anni) prima e delle contrade poi (GUARDA IL VIDEO). In contemporanea, si é svolta la gara culinaria a base di dolci e torte salate realizzate secondo antiche ricette. Alle 17:30, al via alla competizione, in una corsa, dalla piazza a metà circa di via Giulietti. Andata e ritorno. Non una gara qualsiasi perché i concorrenti dovevano portare con sé una ciotola d’acqua, stando attenti a versarne il meno possibile durante il tragitto. Infatti quell'acqua andava riversata in una “cisterna”. Ad ogni giro, i concorrenti hanno passato la ciotola ad un altro compagno pronto a ripartire. Una staffetta dunque. Resa ancora più interessante da una moneta posta sotto il piatto, da custodire lungo il tragitto anche più dell'acqua. Il soldo rievoca i tre denari di San Nicola. Secondo la tradizione, il Santo avrebbe donato quella fortuna ad un cittadino di Patara come dote per le sue tre figlie che, altrimenti, non avrebbero trovato marito e sarebbero diventate prostitute. Poi è stato il momento della lotteria e della spettacolo con sbandieratori e tamburi sirolesi, accompagnati dalla chitarra elettrica di Mauro Marzocchini. Alle 19:00 è arrivato il tanto atteso proclamo del vincitore. Ed è stata festa grande. Per tutta Sirolo. 

Si è chiuso così un fine settimana di festa che, prima di domenica, aveva visto una maratona di eventi: concerti, fiere, balli e spettacoli. Dalle 16.30 alle 19:00 di sabato gli "Acrobati del Borgo" hanno animato il centro storico, via Giulietti e piazza Vittorio Veneto ospitando anche il laboratorio "Legnogiocando" dedicato ai giochi tradizionali, i truccabimbi e la "Ludoteca del Riuso”. Le 11 contrade cittadine hanno sfilato nel tardo pomeriggio dal Comune alla chiesa. Alle 19:00 è stato il turno dei balli del "Gruppo danze popolari" in piazza Veneto. Alle 21:300 il concerto dei "Celtic Connection Quartet" a Parco della Repubblica ha concluso il sabato sera. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sirolo, festa grande per il Palio di San Nicola: vince la contrada di Sant'Erasmo

AnconaToday è in caricamento