rotate-mobile
Martedì, 27 Febbraio 2024
Cronaca Falconara Marittima

Palestra allagata, Baldassini: «Il terremoto non c'entra, dal tetto è sempre piovuto»

Così il candidato sindaco risponde alla Signorini dopo le spiegazioni sull'impianto sportivo del Cambi ripreso in un video diventato virale

FALCONARA - «Dal tetto della palestra è sempre piovuto dentro e l’ex custode doveva sempre asciugare le pozze d’acqua sul pavimento». Così Marco Baldassini replica alla sindaca Stefania Signorini dopo il caso della palestra dell’istituto scolastico Cambi, diventato una piscina per la pioggia che è filtrata all'interno. Una situazione che è stata anche filmata e il video è diventato virale sui social. «La squadra di Baldassini sindaco – continua Baldassini - non ci sta neanche questa volta, assurdo il tentativo della Signorini, quale dirigente scolastico dell’istituto, di discolparsi ed accollare le responsabilità ad altri. Dalla sua risposta sui social e oggi sui giornali in cui sostiene che sono stati recentemente effettuati da tecnici incaricati dalla Provincia interventi per verificare la vulnerabilità sismica che potrebbero aver creato questa situazione, emerge solo un vano tentativo di difendersi dalle accuse e dalle critiche perché dal tetto della palestra è sempre piovuto dentro». Le segnalazioni e le lamentele arrivate dall’utenza pomeridiana «anche in merito all’impianto di areazione, che risultava con i filtri non puliti da tempo – continua il candidato sindaco - deve far riflettere soprattutto in materia igienico-sanitaria post covid in riferimento alla ventilazione meccanica controllata che non è mai stata installata in quei locali nonostante il “modello Marche” annunciato dalla Regione “amica”. Questo è un vano tentativo di difendersi dalla sua mancanza di presenza a tutelare il suo istituto nonché dalle responsabilità civili e penali a tutela dei frequentatori della palestra siano essi docenti, alunni, personale ata e società sportive esterne che pagano per le ore di utilizzo».

Le società sportive, che non possono usufruire della struttura fino al momento del suo ripristino e messa in sicurezza, non avrebbero avuto indicazioni in merito alla soluzione alternativa da utilizzare, sostiene Baldassini, ed essendo le palestre scolastiche sempre prenotate con un calendario già deciso «questo crea un disagio enorme a responsabili e genitori dei ragazzi che addirittura all'ultimo momento devono trovare strutture alternative in autonomia e fuori comune». Baldassini rammenta anche altro. «Era il 26 luglio 2022 quando la sindaca, annunciava in modo trionfale imminenti lavori alle palestre dei suoi istituti Cambi e Serrani tramite un finanziamento Pnrr che la Provincia aveva ottenuto; sono passati 8 mesi – dice - e nulla è stato fatto nonostante il nuovo indirizzo di liceo sportivo assegnato all’istituto».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Palestra allagata, Baldassini: «Il terremoto non c'entra, dal tetto è sempre piovuto»

AnconaToday è in caricamento