Cronaca

Dall'Italia al Kenya sognando un ospedale, da Ancona un medico e un giornalista

Il gruppo di medici, specializzandi e giornalisti sta per partire alla volta dell'Africa. Ci saranno anche due anconetani

A sinistra Simone Agosti, in basso a sinistra Erika Palagonia e al centro il professor Bruno Frea con i medici africani

Dalle Langhe all’Africa passando per Ancona, con l’obiettivo di potenziare l’ospedale di Kinangop, in Kenya. Alla missione solidale promossa dal Lions Club Alba Langhe parteciperanno anche due anconetani: il giornalista di AnconaToday Stefano Pagliarini e Erika Palagonia, specializzanda in urologia all’Università Politecnica delle Marche. Pagliarini partirà con l'obiettivo di realizzare un reportage su una delle realtà dove, in Kenya, vengono curati migliaia di malati, fornendo assistenza sanitaria all’avanguardia e vincendo la sfida della sostenibilità economica, ispirata dall'intraprendenza di un parroco italiano: don Sandro Borsa. 

L’obiettivo della squadra è migliorare l’operatività del polo sanitario che sta sorgendo a 130 km dalla capitale Nairobi e dove i medici italiani si alternano trimestralmente portando il know how della nostra sanità. Uno dei prossimi step è il completamento delle strutture di Neonatologia intensiva, endoscopia e terapia intensiva. La spedizione, che partirà il prossimo 11 gennaio, è composta da professor Bruno Frea, medico urologo e gli specializzandi Simone Agosti, Giulia Garelli oltre al giornalista e presidente Lions Club Alba Langhe Tommaso Lo Russo. 

Chiunque voglia donare farmaci, materiale medico o abiti per bambini, può rivolgersi al reparto di Urologia dell'ospedale regionale di Torrette dove verrà raccolto del materiale per le popolazioni africane della regione in cui si trova l'ospedale di Kinangop. 

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dall'Italia al Kenya sognando un ospedale, da Ancona un medico e un giornalista

AnconaToday è in caricamento