menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio

Foto di repertorio

Compra iPhone 6 su internet, truffato: denunciata una donna

Un 24enne osimano ha sborsato 470 euro ma non si è visto recapitare lo smartphone. Le indagini dei carabinieri di Osimo hanno portato alla denuncia di una romana

Aveva trovato l'iPhone 6 su subito.it, noto sito di compravendite online. Pattuito il prezzo aveva inviato per Postepay alla venditrice 470 euro ma poi la venditrice si era resa irreperibile senza spedire la merce. L'episodio risale allo scorso 31 agosto. Resosi conto della truffa l'uomo, un 24enne residente a Osimo, si è rivolto ai carabinieri che dopo un'attenta indagine hanno individuato una 23enne romana domiciliata a Guidonia Montecelio (Roma), già nota alle forze dell'ordine per reati analoghi. L'indagine, svolta in collaborazione con l'ufficio postale di Osimo, ha ricostruito il movimmenti di denaro. La romana è irreperibile ed è stata denunicata a piede libero. Sempre i carabinieri, nell'ambito di controlli sul territorio, hanno intercettato un rom di 20 anni residente a Falconara al volante di un'auto anche se sprovvisto di patente. Un'auto sospetta. Il 20enne era a bordo di una Megane che si aggirava con fare sospetto a Marcelli di Numana. Temendo si trattasse di un malintenzionato che controllava le abitazioni i carabinieri di Numana lo hanno fermato e, dal controllo del nominativo, è saltato fuori che non aveva mai conseguito il permesso di guida.

È stato denunciato. Tra l'altro non era nemmeno la prima volta che veniva pizzicato al volante senza patente. L'auto è stata sequestrata. A Camerano invece è stato arrestato un 40enne raggiunto da un ordine di esecuzione per la carcerazione. L'uomo, un operaio, deve espiare la condanna definitiva alla pena di anni 2, mesi 7 e giorni 13 di reclusione ed alla pena accessoria dell’interdizione perpetua dai pubblici uffici, per reati di detenzione e spaccio di stupefacenti ed associazione finalizzata al traffico illecito di stupefacenti, commessi in Camerano, Sirolo, Ancona e Roma nel 2002.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Rione Pinocchio, perché si chiama così? (La statua non c’entra)

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento