rotate-mobile
Mercoledì, 10 Agosto 2022
Cronaca Falconara Marittima

Indagine Api, anche il comitato Mal'Aria e l'associazione Ondaverde pronti a costituirsi parte civile

L’associazione l’Ondaverde ODV Falconara e le persone riunite nel Comitato Mal’Aria sono pronte a costituirsi parte civile nell’eventuale processo derivante dall’inchiesta “oro nero”

L’associazione l’Ondaverde ODV Falconara M. e le persone riunite nel Comitato Mal’Aria sono pronte a costituirsi parte civile nell’eventuale processo derivante dall’inchiesta “oro nero”: «Un atto dovuto- spiegano in una nota- per riaffermare il diritto alla vita e alla salute».

La ricostruzione

L’11 aprile 2018 una pesante esalazione idrocarburica ha reso l’aria così irrespirabile a Falconara che oltre 1000 cittadini si sono recati alla tenenza dei Carabinieri per denunciare quanto stavano respirando. Si era verificato un incidente al grande serbatoio TK 61 della raffineria API: il tetto si era inclinato. Così l’Ondaverde Odv insieme ad altre 135 persone querelanti hanno dato mandato all’avvocato Monia Mancini di rappresentarle e difenderle all’interno del fascicolo di indagine aperto dalla Procura della Repubblica di Ancona. A maggio del 2018 il Procuratore, Irene Bilotta, incaricato delle indagini, condotte dal NOE di Ancona, ha disposto accertamenti tecnici irripetibili ai quali il legale, insime al consulente tecnico di parte Tommaso Giambuzzi, ha partecipato in rappresentanza e a difesa dei 135 cittadini, dell’Associazione l’Ondaverde e del Comitato Mal’aria Falconara. 

«L’Associazione l’Ondaverde e il Comitato Mal’aria, con il loro legale, vogliono sottolineare l’importanza dell’azione di denuncia da parte dei cittadini, come pure l’importanza della loro volontà di essere presenti, di partecipare, per il tramite dei propri tecnici, alle attività peritali disposte sin dalla fase delle indagini preliminari- si legge nella nota- ora, avuta notizia dalla stampa che a seguito dei fatti dell’11 aprile 2018 e dunque dell’attività investigativa svolta la Procura ha notificato avviso di conclusioni indagini a 17 dirigenti e tecnici della raffineria, tra cui l’amministratore delegato Giancarlo Cogliati, oltre che all’ex direttore generale ARPAM, Giancarlo Marchetti, per ipotesi di reato quali quelle di disastro ambientale, di lesioni personali a carico di molti cittadini, di getto di cose pericolose, di gestione illecita di ingenti quantitativi di rifiuti speciali, oltre a reati contro la pubblica amministrazione, l’Associazione l’Ondaverde odv Falconara M. e le persone riunite nel Comitato Mal’Aria sono pronte a costituirsi parte civile nell’eventuale processo derivante dall’inchiesta “oro nero”: un atto dovuto per riaffermare il diritto alla vita e alla salute».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Indagine Api, anche il comitato Mal'Aria e l'associazione Ondaverde pronti a costituirsi parte civile

AnconaToday è in caricamento